QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sottoscritta la “Charta del Legno” per valorizzare il legno dell’Alto Adige

lunedì, 9 novembre 2015

Bolzano – Sottoscritta la «Charta del Legno», con l’accordo tra mondo economico e Provincia di Bolzano. I boschi altoatesini sono un motore per l’economia.

Le associazioni economiche altoatesine, coordinate dal Cluster Legno & Tecnica del TIS innovation park, si sono sAlto adige mondo legnoedute al «Tavolo del Legno» e hanno definito insieme la tabella di marcia per il settore legno. Nell’ambito dell’incontro odierno hanno tutti firmato solennemente la «Charta del Legno», che contiene le misure essenziali da intraprendere per promuovere in modo sostenibile il settore legno. La metà dell’Alto Adige è bosco, 25.000 persone guadagnano soldi nel settore foreste e legno e ogni anno, nella nostra provincia, vengono raccolti dai boschi 650.000 metri cubi di legno.

Segherie, aziende industriali, agricole e artigiane garantiscono posti di lavoro, in particolare nelle aree rurali. Inoltre dal legno si possono ottenere i pellets, il cippato e l’energia da biomassa.

Creazione della consapevolezza e informazione.
«Il legno è la nostra risorsa più ecologica e rinnovabile. Il sapere che esiste in Alto Adige e che permette di trasformare questa materia prima in prodotti di alta qualità ci differenzia dalle altre regioni europee» ha spiegato l’Assessore provinciale alle Foreste Arnold Schuler in occasione della sottoscrizione della «Charta del Legno».

Con la «Charta del Legno» i firmatari puntano a mettere in atto misure che permettano di aumentare le richieste di lavori in legno.

Inoltre si sono posti come obiettivo anche la creazione di consapevolezza nella collettività e la diffusione di informazioni riguardo alla tematica.

Oltre alla Provincia Autonoma di Bolzano, rappresentata dall’Assessore provinciale Arnold Schuler, hanno sottoscritto la Charta anche il Presidente della Sezione legno di Assoimprenditori Alto Adige Paolo Bortolotti, il Presidente (Obmann) dell’Unione agricoltori/Bauernbund Leo Tiefenthaler, il Presidente del Gruppo legno di Confartiganato imprese (apa.lvh) Kurt Egger e il Direttore dell’Unione Energia Alto Adige Rudi Rienzner. Tra i firmatari anche il Direttore generale designato di IDM Südtirol – Alto Adige Hansjörg Prast.

Snellimento dei processi amministrativi
Nikolaus Tribus, presidente del TIS innovation park, il cui Cluster Legno & Tecnica ha moderato il «Tavolo del Legno», ha invitato a snellire velocemente i processi amministrativi, a ridurre i costi energetici e a semplificare il servizio appalti per promuovere l’economia che ruota intorno al legno.

Tutti i presenti si sono dichiarati d’accordo, che il legno come risorsa sostenibile sia una risorsa straordinaria che promette molto per il futuro, sia sotto l’aspetto ecologico che sotto quello sociale.

«Chi vuole promuovere le aree rurali, farebbe bene a mettere in campo azioni per sostenere il settore legno. Con il nostro “Tavolo del Legno” e la sottoscrizione di questa Charta del Legno è proprio quello che stiamo facendo» ha affermato l’Assessore Provinciale Arnold Schuler.

«I boschi altoatesini sono un motore economico» ha ricordato Leo Tiefenthaler, presidente (Obmann) dell’Unione agricoltori/Bauernbund, «e con la Charta del Legno si è fatto il primo passo per trainare questo motore in modo sostenibile».

Paolo Bortolotti, Presidente della Sezione legno di Assoimprenditori Alto Adige, ha spiegato che le aziende dell’Alto Adige attive in questo settore dimostrano di avere potenziale di sviluppo anche riguardo all’automazione.
Ha anche aggiunto che si devono sviluppare e applicare processi e strumenti moderni per trovare la via verso i mercati internazionali.

Kurt Egger, presidente del gruppo legno di Confartiganato imprese (apa.lvh), ha affermato che accanto alla tradizionale costruzione di finestre, porte e case in legno, il settore legno è assolutamente anche un settore innovativo: pavimenti con un design innovativo, occhiali e borse di legno, sistemi innovativi di costruzione degli edifici in legno – sono molti i modi per reinventare il legno.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136