QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad


Sondrio, concerto Gospel in favore dell’associazione italo-burundese. Il programma

sabato, 20 gennaio 2018

Sondrio – Grande attesa per l’evento in programma domani – domenica 21 gennaio  – nel salone parrocchiale prima e nella vicina chiesa parrocchiale di Mossini a Sondrio. Un concerto Gospel, del coro Happy Chorus di Delebio, a favore dell’associazione italo-burundese che opera al fianco della popolazione del Paese africano.

coro gospel Delebio 1

Il coro, composto da una trentina di membri (soprani, contralti, tenori e bassi) provenienti da tutta la bassa Valtellina e dall’Alto Lario e magistralmente diretti da Cesare Dell’Oca, da ormai vent’anni riscuote successo nel pubblico e apprezzamento dagli esperti.

Il repertorio spazia dai canti tradizionali africani ai canti di lavoro, dalle melodie più celebri dei classici spiritual a brani del gospel più moderno. Un coinvolgimento emotivo che Happy Chorus sa regalare in un tripudio di voci e colori. L’ingresso al concerto è gratuito. Seguirà per tutti un momento conviviale per lo scambio di auguri e un sorso di tè rigorosamente proveniente dalle colline del Burundi.

burundi2

IL PROGRAMMA - Alle 15 di domani è previsto nel salone parrocchiale di Mossini l’incontro dove verrà presentato il lavoro svolto dalla Associazione e saranno illustrati i progetti in corso d’opera. Inoltre chi lo desidera potrà iscriversi o rinnovare l’iscrizione alla Associazione (10 euro quota annua) e alle 16 nella chiesa parrocchiale di Mossini il concerto Gospel.

IL PROGETTO - Fides Marzi Hatungimana, la presidente di Dukorere Hamwe, l’associazione italo burundese ormai all’11° anno di attività, è visibilmente soddisfatta. Breve, ma intenso e proficuo il suo viaggio nel paese natio nel cuore dell’Africa nera. Sono bastati pochi giorni, a cavallo tra dicembre 2017 e i primi giorni di questo gennaio, per permetterle di fare il punto, de visu, sui progetti che l’associazione segue con meticoloso controllo. Sempre utili i contatti coi direttori dei Centri di istruzione professionale, in primis i Saveriani, ove si formano, con percorsi di durata annuale o biennale, i giovani sostenuti dalle borse di studio di Dukorere Hamwe (nelle foto, sopra il coro di Delebio, a lato e sotto il negozio macelleria salumificio Ahishakiye e la sartoria microfinanziata Dukorere Hamwe).

Interessante il lavoro messo in cantiere dai due giovani, Désiré Uwizeyimana e Désiré Ahishakiye, che, dopo un intero anno di formazione in Italia (a Moretta di Cuneo) nella filiera alimentare “lattiero casearia” e “carni e salumi”, ora non solo producono reddito per la loro famiglia, ma formano nuove leve di apprendisti con corsi professionali specifici, avviandoli verso una produzione di beni alimentari di alta qualità. Questa è la logica dell’Associazione: fornire a studenti motivati e meritevoli strumenti culturali e professionali da poi trasferire in Burundi a nuovi giovani che imparino a progettare con dignità il loro futuro fondato sul lavoro e la cultura. La presidente racconta l’entusiasmo con cui alcuni apprendisti salumieri hanno accolto e subito utilizzato coltelli e altro materiale tecnico offerto dal Salumificio Mottolini: sembrava loro incredibile poter velocizzare il lavoro e renderlo più agevole!

Anche Fides Ciza, tanto per fare un altro esempio, è stata visitata nel viaggio compiuto dalla presidente Fides Marzi. Si tratta di una giovane donna che in passato ha usufruito di un microcredito offerto dall’associazione; ora ella guida con grande laboriosità e competenza un laboratorio sartoriale. Forma annualmente un gruppo di giovani apprendisti, di ambo i sessi, affinché diventino bravi sarti. Inoltre guida un gruppo di donne adulte, con problemi finanziari familiari, insegnando loro taglio e cucito: in tal modo queste persone riescono ad avere un reddito immediato che offra uno spiraglio di riscatto dalla miseria.

burundi

L’ASSOCIAZIONE -  Dukorere Hamwe, che in kirundi significa “Lavoriamo Insieme”, nasce nel 2006, in provincia di Sondrio, attorno ad un gruppo di amici di una cittadina burundese, Fides Marzi Hatungimana, dottoressa agronoma, valtellinese di adozione, da 35 anni a Sondrio. Dopo essersi recata nel Paese di origine, al termine della guerra enica durata circa 40 anni, la fondatrice Fides M. Hatungimana constatatò una povertà materiale ed un degrado da imputare principalmente al lungo periodo di guerra ed instabilità e all’istruzione negata alla maggior parte della popolazione; decise di impegnarsi nel dare un contributo allo sviluppo del Burundi. Dukorere Hamwe – Lavoriamo Insieme è una associazione di cooperazione e volontariato internazionale italo-burundese, ONLUS, riconosciuta e registrata in Regione Lombardia, che opera sia con il personale italiano sia con il personale burundese su entrambi i territori. L’Associazione privilegia la formazione culturale ed in modo particolare la formazione professionale dei giovani che rappresentano il 55% della popolazione burundese.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136