QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Sito archeologico di Monte San Martino: ultimati gli interventi di restauro e valorizzazione

martedì, 11 ottobre 2016

Riva del Garda – Situata tra i Comuni di Riva del Garda e di Tenno, l’area archeologica di Monte di San Martino è uno delle più estese e significative del Trentino e occupa un posto di rilevanza nell’archeologia dell’intero arco alpino. Il sito, che conserva le testimonianze di oltre duemila anni di storia, è oggi meta di numerosi visitatori attratti dal fascino degli antichi resti, ma anche dalla bellezza dell’ambiente naturale che li circonda.archeologia

In seguito alle ricerche condotte nel corso degli anni l’Ufficio beni archeologici della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento ha realizzato un percorso di visita tra le evidenze riportate alla luce. L’esito degli ultimi interventi di restauro e di valorizzazione effettuati nel sito è stato presentato stamattina, presso l’area archeologica, durante un incontro che ha visto la presenza di Franco Marzatico, dirigente della Soprintendenza per i beni culturali, di Nicoletta Pisu, responsabile scientifico delle ricerche archeologiche, di Giorgia Gentilini, direttore lavori, nonché del sindaco di Tenno Gianluca Frizzi e di Anna Cattoi, funzionaria del Comune di Riva del Garda, e di tutti coloro che hanno lavorato alla valorizzazione.monte-san-martino-archeologia

Situata a 850 metri di altitudine, l’area archeologica di Monte San Martino ha restituito tracce di frequentazioni a partire dalla seconda età del Ferro, in particolare dal III secolo a.C., quando il sito ospita un luogo di culto. La destinazione sacra dell’area continua nella successiva età romana, quando viene edificato un santuario i cui resti sono ancora visibili. A poca distanza dal santuario sono emerse le murature di alcuni edifici di un villaggio costruito probabilmente con finalità militari quando il santuario era oramai in disuso. Infine, nel corso dell’alto medioevo sulle rovine del villaggio è sorta una chiesa, frequentata fino all’età moderna. Nell’estate 2016 si è conclusa un’importante opera di restauro proprio nella zona meridionale del sito corrispondente al villaggio e alla chiesa. La direzione scientifica dei lavori è stata di Nicoletta Pisu e Cristina Dal Rì dell’Ufficio beni archeologici della Soprintendenza per i beni culturali, la direzione dei lavori è stata affidata all’architetto Giorgia Gentilini mentre il coordinamento della Sicurezza è stato svolto da Michele Ravidà. I lavori sono stati eseguiti dal Consorzio Ars di Trento, coadiuvato da ArcheoGeo snc, Mandello del Lario (LC) per la parte di sorveglianza e consulenza archeologica.parco-archeo

La manutenzione dell’area è resa possibile grazie alla collaborazione del Servizio sostegno occupazionale e valorizzazione ambientale. L’area è dotata di percorsi corredati da pannelli informativi in italiano e inglese, zone di sosta e un punto informativo. A completamento del percorso espositivo, la storia di Monte San Martino è ricostruita nel centro di documentazione di Pranzo, in spazi gestiti dalla locale Associazione Culturale San Martino.

I reperti più significativi ritrovati nel sito sono esposti nella sezione archeologica del MAG di Riva del Garda. Da sottolineare l’importante ruolo svolto dalle Amministrazioni comunali di Tenno e di Riva del Garda che nel corso degli anni hanno contribuito alla valorizzazione dell’area, sostenendo lo svolgimento delle campagne di scavo condotte anche con le Università di Trento, Padova, Leicester.

Rai 2 ha recentemente dedicato un servizio a Monte San Martino nell’ambito di una trasmissione sulle aree archeologiche più importanti del territorio nazionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136