QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sistema turistico del Trentino: il PATT dà il via libera alla tassa di soggiorno

domenica, 16 febbraio 2014

Trento – Il sistema turistico e la tassa di soggiorno è al centro del confronto politico. In particolare sulla volontà espressa dalla Giunta provinciale di Trento di procedere alla riforma del sistema turistico trentino e di prevedere l’introduzione della tassa di soggiorno, il Partito Autonomista Trentino Tirolese (PATT) ribadisce l’importanza di aprire la discussione sulle proposte formulate dall’assessore  Michele Dallapiccola, ritenendo non più procrastinabile la problematica.

“E’ proprio nei momenti di crisi e di concorrenza agguerrita – afferma il senatore del PATT, Franco Panizza –  chFranco Panizza 1e occorre ricercare forme e strumenti organizzativi snelli ed efficaci, in grado di muoversi ed operare con incisività e tempestività. Altrettanto è indispensabile pensare ad una riforma integrale del comparto turistico, razionalizzando spese ed investimenti e prevedendo anche ipotesi di compartecipazione privata per poter finanziare la promozione ed il miglioramento dell’offerta turistica, sia in termini di servizi offerti che di qualità messa in campo”.

Il PATT inizierà da domani ad affrontare in tutti i suoi aspetti la problematica, troppo a lungo accantonata, per esaminare le proposte dell’assessore e proporre alla Giunta le proprie valutazioni, naturalmente dopo aver ascoltato e valutato le posizioni espresse dalle categorie interessate. Non mancano però divergenze: “Le opinioni espresse ieri dal consigliere Luca Giuliani sulla proposta  - conclude il senatore Panizza – rappresentano una posizione personale, non concordata con il partito”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136