Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Signora di Lugano in due serate vince oltre 88 mila franchi al Casinò Campione d’Italia

venerdì, 23 febbraio 2018

Campione d’Italia – Come va a Campione d’Italia? Chiedetelo ai giocatori che incassano copiose vincite – e succede ogni giorno – non tanto per sentirvi rispondere con un ovvio “Bene”, ma per avere ragione di un piacere – e di un’emozione – che non si provano altrove.

Poi ci sono giorni in cui una certa tipologia di giocatori è proprio baciata dalla fortuna. E’ appena accaduto a due signore, abituali frequentatrici del Casinò, italiane di nazionalità, residenti in Canton Ticino. Questi i dati comuni; giovedì scorso una, settantaduenne, abitante a Lugano, ha vinto 33.792 franchi puntando su una slot Konami, ebbene, ritornata a Campione d’Italia ne ha vinti ben 54.711, confidando ancora nella “sua” slot Konami. Lo stesso giorno l’altra giocatrice si è aggiudicata 17.434 franchi con il jackpot di una slot Party Time. Per entrambe è stata una magnifica giornata anche perché il Casinò di Campione d’Italia non ha mai smesso di funzionare: per quante difficoltà contingenti possano presentarsi sul versante giuridico-amministrativo, la casa da gioco in riva al lago Ceresio è aperta e accogliente come può esserlo soltanto il più grande casinò d’Europa, forte di ben più di ottant’anni di indelebile tradizione, ovvero professionalità e cortesia, eleganza e discrezione, e un’offerta – dai giochi più classici alle slot di sempre nuova generazione, oltre all’alta cucina a cura dello chef executive Lorenzo Staltari, una garanzia per i buongustai – che non teme confronti. Questo ogni giorno, ogni sera: allora, tornando alla domanda iniziale, come si va a Campione d’Italia? Con la certezza di trovare in sala un’atmosfera giusta, al ristorante la più genuina qualità, e nell’0insieme l’intrattenimento migliore, senza tema di preclusioni e in un ambiente che merita la visita. Sia per lo spettacolo architettonico della sede del Casinò sia per l’ambiente, tra lago e montagna, carico di suggestività. E, s’intende, l’espressione “La fortuna bacia a Campione” va completata: la fortuna a Campione (dove il Casinò non si ferma mai) bacia sempre.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136