QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sequestri di depositi di carburanti in provincia di Sondrio, primo confronto in Commissione sulla legge regionale

giovedì, 1 giugno 2017

Sondrio – La Commissione Attività produttive, presieduta da Pietro Foroni, si è confrontata oggi in audizione sul caso del sequestro di alcuni depositi di carburante (e relative sanzioni) che sta interessando la provincia di Sondrio. L’audizione era stata sollecitata dal Sottosegretario ai rapporti con il Consiglio e alle Politiche per la Montagna, Ugo Parolo. Erano presenti rappresentanti di Confartigianato Sondrio, Confcommercio Sondrio, Confindustria Sondrio, Fai autotrasportatori Sondrio, Ance Lecco- Sondrio e Coldiretti Sondrio.

Un’indagine della Procura della Repubblica ha portato la Guardia di Finanza a effettuare controlli a tappeto (al momento oltre 200, ma le verifiche potrebbero arrivare a quota 600) sulla detenzione di gasolio per autotrazione in impianti (depositi e cisterne) a uso privato. Alcune contestazioni amministrative hanno portato alla successiva contestazione di reati penali e fiscali, con richieste di restituzione del rimborso delle accise  per svariati milioni di euro nonostante l’accertata regolarità contabile presentata dalla aziende. Una situazione che, è stato il grido di allarme in Commissione, porterebbe alla chiusura di centinaia di imprese nei settori autotrasporto merci, trasporto di persone, industrie, edilizia, commercio all’ingrosso, mettendo in crisi l’intera economia di una provincia e che potrebbe arrivare a catena nelle altre province lombarde. Sebbene la Regione non abbia competenze per risolvere il problema di natura tributaria, le associazioni di categoria hanno potuto suggerire modifiche alla legge regionale 6/2000 utili alla semplificazione delle procedure autorizzative.

La Commissione, sensibilizzata alla problematica, ha stato stabilito di convocare a breve una nuova audizione con la Direzione generale dell’assessorato alla Attività produttive per una valutazione sulle norme regionali, giudicate in audizione dagli intervenuti più restrittive rispetto alle norme delle altre regioni, e si è presa l’impegno di presentare nella prima seduta utile di Consiglio regionale un atto di indirizzo da trasmettere al Ministero dell’Economia e delle Finanza attraverso il quale Regione Lombardia solleciterà la massima autorità affinché chiarisca a chi di competenza che il diritto di recupero delle accise non sia collegato strettamente alle autorizzazioni necessarie per i depositi carburanti poiché per esse sono dedicate precise sanzioni amministrative.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136