QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Sellero: bruciate materie plastiche nella centrale biomassa. Altre polemiche

mercoledì, 12 febbraio 2014

Sellero – La querelle sulle plastiche nelle biomasse di TSN tiene ancora banco. Dopo il pronunciamento della commissione d’inchiesta, che risale al 2012, la presa di posizione del sindaco Bressanelli, è ora la volta dell’esponente leghista Damiolini che riaccende la polemica. Prendendo spunto dall’attività della commissione d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e da quanto scritto nel documento finale sono stati posti dei quesiti.Sellero

“In Valcamonica, a Sellero, – si legge nella relazione – vi è una centralina a biomassa per bruciare legna, che è andata avanti a bruciare la legna finché c’erano gli incentivi statali, per cui poteva permettersi di lavorare non in economia, dato che non si guadagna a bruciare la legna per produrre calore. Nel momento in cui sono finiti gli incentivi statali, ha pensato bene di aggiungere altro materiale. Sta di fatto che in quella centrale sono state trovate plastiche nelle biomasse”. Questa frase è destinata a rinfocolare le polemiche in valle sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti. Infatti gli amministratori locali, con il sindaco Bressanelli, hanno sempre dichiarato che tutto fosse in regola. Di diverso pare la commissione e gli esponenti della minoranza che ora ne fanno una bandiera e chiedono che sia fatta chiarezza sul passato. Intanto è già scattata la campagna elettorale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136