QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Seduta congiunta Alto Adige-Grigioni, confronto su sanità e mobilità

mercoledì, 6 settembre 2017

Semaden -Possibili progetti comuni al centro del dibattito oggi (6 settembre), a Samedan, nell’ormai tradizionale seduta congiunta che si svolge annualmente tra l’esecutivo provinciale e il governo del Cantone svizzero dei Grigioni. “Abbiamo avuto uno scambio di idee molto proficuo – spiega il presidente Arno Kompatscher  – poiché ci sono molti temi di interesse comune. Attraverso la cooperazione possiamo affrontare assieme le sfide comuni e sostenerci a vicenda in ambiti come la sanità o la mobilità transfrontaliera”. Attualmente sono attivi collegamenti via autobus che partono da Malles per Martina (linea 273) o da Malles per Zernez  (linea 811) e quest’ultimo, ad esempio, potrebbe arrivare in futuro ad avere una cadenza oraria. Per quanto riguarda il possibile collegamento ferroviario di cui si parla da tempo “vogliamo raccogliere tutto il materiale prodotto e completarlo con valutazioni sulle possibili ricadute per l’economia e la mobilità”, dice Kompatscher (foto: LPA/Angelika Schrott).

stocker

Da parte altoatesina, intanto, un gruppo di lavoro sta elaborando un modello per la valorizzazione dell’area del Passo Stelvio con un’attenzione particolare alla protezione dell’ambiente. Tra i temi affrontati anche le sfide legate all’accoglienza e all’integrazione dei richiedenti asilo e una possibile cooperazione nell’ambito formazione e cultura, soprattutto per quanto riguarda la cultura ladina. A questo riguardo sono in discussione possibile premi letterari e artistici comuni, mostre o scambi scolastici. Per quanto riguarda le lingue, i media e l’università una cooperazione è già in essere.  Nell’ambito della formazione professionale, inoltre, sarà istituito un gruppo di contatto per uno scambio di esperienze tra le due realtà.

Si è discusso anche delle problematiche legate alla presenza del lupo sul territorio e alla luce della rapida crescita del numero di esemplari del predatore i due esecutivi si sono trovati concordi sulla necessità di ridurre il livello di protezione della specie. Alla seduta congiunta hanno partecipato il presidente Arno Kompatscher, il vicepresidente Christian Tommasini, gli assessori Richard Theiner, Philipp Achammer, Florian Mussner, Arnold Schuler e Martha Stocker. Per i Grigioni erano presenti la presidente Barbara Janom Steiner, Mario Cavigelli, Jon Domenic Parolini, Martin Jäger e Christian Rathgeb.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136