Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Sbarramenti a protezione dell’abitato Pecei a San Martino in Badia

venerdì, 18 novembre 2016

San Martino in Badia – Alcune abitazioni della “vila” Pecei sopra Campill-Longiarù, sul rio Rü de Pecei, a San Martino in Badia sono situate nella zona rossa del Piano delle aree a rischio del comune. badiaDa riprese aeree è emerso che la morfologia del terreno della zona presenta le tracce di franamenti e depositi di materiale riferiti a eventi del passato causati dal rio che scende dal rilievo Cëindles (foto USP).

In queste settimane l’Ufficio sistemazione bacini montani est dell’Agenzia provinciale per la Protezione Civile ha portato a temine la realizzazione di due sbarramenti posizionati sopra l’abitato che provvederanno, in caso di franamenti, a deviare il materiale franato e il flusso d’acqua.

Uno degli sbarramenti è lungo 160 metri, l’altro 143 metri e presentano un’altezza che varia dai tre a i cinque metri. L’investimento per la realizzazione delle opere di protezione ammonta a circa 195mila Euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136