QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Sanzeno: la Val di Non scopre i droni e il loro utilizzo in agricoltura

martedì, 23 giugno 2015

Sanzeno – Un evento dopo l’altro a Sanzeno (Trento) nel periodo estivo, animata da TecnoNart, mostra di Tecnologia, Natura e Arte.
L’evento, organizzato dall’associazione culturale ligure Divulgarti, a cura di Loredana Trestin in collaborazione con Barbara Cadei, e dallo studio tecnico trentino DiLegno, gode di patrocini e collaborazioni di enti di altissimo livello, quali per esempio Muse, ATP Val di Non, IIT, Università di Genova e Melinda.

Il primo evento speciale, curato sempre daDroni a sanzeno val di Non TecnoNart ha avuto luogo al Centro Culturale d’Anaunia Casa de Gentili, a Sanzeno (Trento) con la presentazione di un drone che potrebbe essere sfruttato anche in Val di Non. In particolare nell’agricoltura, per rendere sempre più competitivo e migliorare la qualità delle coltivazioni. I  droni, programmati per effettuare voli e rilievi in perfetta autonomia e non solo, sono gioielli tecnologici in grado di monitorare il raccolto, capaci di effettuare tutta una serie di operazioni come il controllo delle infestazioni dei parassiti, delle malattie e altro.

A Sanzeno i droni dell’Università di Genova e di Vision Air sono stati presentati – alla presenza delle autorità ed esperti – durante la conferenza dal titolo SAPRmania. Oltre ai droni si è parlato, con l’intervento di Lrenzo Marcenaro e Giorgio Rinolfi di Vision Air, e Gianni Vercelli,  di nuove frontiere in ambito civile, i loro possibili utilizzi applicativi in Trentino: dall’agricoltura di precisione, alla valorizzazione paesaggistica, al monitoraggio del territorio.
Inoltre c’è stata una dimostrazione pratica per illustrare gli utilizzi dei droni nell’ambito della Protezione Civile, con il professor Gianni Vercelli e il team di ricerca del DIBRIS (Dipartimento di Bioingegneria, Robotica, Ingegneria dei Sistemi) dell’Università degli Studi di Genova.

ALTRI EVENTI

Gli spazi espositivi ospiteranno le opere e i progetti di 30 artisti di fama nazionale e internazionale (tra pittori, scultori, fotografi e performer) e di 16 espositori che attraverso oggetti d’arte, design e moda rappresentano tecnologia, natura e arte coniugate.
Ha selezionato in modo rigoroso partecipanti e opere, una commissione costituita da: Rocco Antonucci (docente di Storia del design, Professor Unige e Iuav) Lucia Barison (responsabile comunicazione Sanzeno e Val di Non),  Marco Benvenuti (assessore alla Cultura di Tassullo), Mauro Conciatori (architetto, regista e filmaker) Laura Cretti (assessore alla Cultura della Val di Non) Michele Lanzinger (geologo, Direttore del Muse di Trento) Giorgio Metta (ingegnere, Università di Plymouth (UK) e Direttore dell’iCub Facility presso l’IIT)  e Gianni Vercelli (ingegnere, professore Unige presso Dist e Dibris).
Invece tra gli espositori spiccano i trentini Matteo Boato, Buca (Carlo Busetti), Carlo Devigili, Bruno Lucchi, Giovanna Maffei, Memo_Art, Marco Paseri, Viviana Puecher, Maria Giovanna Speranza; inoltre partecipano Fabio Bix, Franco Borio, Gianni Depaoli, Giorgio Gatto, Andrea Esposito, Labanzky, Mauro Liotto, Veronique Massenet, Luca Moretto, Paola Nizzoli Desiderato, Tomas Novak, Paolo Lorenzo Parisi, Cosimo Pesare, Rita Pierangelo, Emanuela Ragusa, Massimo Ruiu, Claudio Sireci, Luca Sireci, Massimo Sirelli, Gianluigi Sosio, Ernesto Massimo Sossi – Artista e Anna Zorzi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136