QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Rovereto: il capitano Andrea Pezzo trasferito a Castelmassa

sabato, 20 agosto 2016

Rovereto - Il capitano Andrea Pezzo, comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Rovereto, dalla prossima settimana sarà alla guida della Compagnia Carabinieri di Castelmassa (Rovigo). L’Ufficiale, proveniente dalla vicina Provincia di Verona, è giunto alla Compagnia Carabinieri della città della Quercia sette anni orsono, nell’agosto 2009 e dopo ben 7 anni di militanza al Comando del N.O.R. ha salutato, in questi giorni, i vertici dell’Arma del Trentino Alto Adige, a partire dal comandante Provinciale di Trento, Colonnello Maurizio Graziano e dal comandante della Legione Carabinieri Trentino Alto Adige, Gen.B. Massimo Mennitti, nonché i rappresentanti delle altre forze di polizia e delle istituzioni della Vallagarina e dell’Autorità Giudiziaria.

carabiniere Pezzo_mini

L’Ufficiale, prima di giungere in Vallagarina aveva prestato servizio presso il 5° Btg. “Emilia Romagna” di Bologna con un impiego prettamente rivolto all’Ordine e alla Sicurezza Pubblica. nel 2010 ha preso parte alla missione internazionale Eufor-IPU di stanza a Sarajevo. Durante la sua permanenza ha coordinato diverse attività investigative raggiungendo significativi risultati nel contrasto alla Criminalità locale e non, in particolare nel versante della criminalità predatoria – furti e rapine – e quella pertinente gli stupefacenti, nonché nel versante dei reati contro la persona – delitti di sangue e, le ultime novità normative, in tema di violenza “di genere”. Tra le più note indagini si ricordano l’operazione Axel del 2011 con il sequestro di un ingente quantitativo di Ketamina e l’arresto di diversi giovani della vallagarina per spaccio di stupefacenti, l’operazione 7^ Bolgia del 2014 con l’arresto di una intera banda di stranieri dediti alla commissione di furti in abitazione, l’operazione il Gatto e la Volpe con l’arresto di due rapinatori che avevano messo a segno decine di rapine a mano armata in trentino e Veneto, nonché da ultimo, nel maggio 2016, l’operazione Puma con cui sono state arrestate tre persone per la commissione di due rapine a mano armata in Rovereto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136