QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Riva del Garda: scuola, viabilità, Rsa e centro congressi, ecco i programmi della Giunta Mosaner. “Il 2016 sarà un anno di cantieri per 100 milioni”

mercoledì, 7 ottobre 2015

Riva del Garda – Una città cantiere. Presto Riva del Garda cambierà volto, e “sarà più bella”. Adalberto Mosaner (nella foto sotto), al secondo mandato da sindaco, sta portando a termine un programma che affonda le radici in quattro – cinque anni fa o anche in periodi antecedenti. Si passa dalle opere pubbliche a progetti per lo sport e la cultura. Abbiamo incontrato il sindaco Mosaner e posto alcune domande: ecco l’intervista.

MOSANER Adalberto_061

Signor sindaco come è iniziato il secondo mandato?

“Inizio dall’aspetto politico, a Riva del Garda è stata riconfermata la maggioranza tra il centrosinistra e l’Upt, riaggregando tutto il mondo della sinistra e i cittadini hanno premiato (alle elezioni amministrative di maggio ndr.) la coalizione uscente. Come sindaco intendo portare avanti e concludere il programma iniziato nel primo mandato e che vedrà cambiare la nostra città”.

Quali sono le linee portanti?

“Iniziamo dal sociale e dalla scuola, a cui teniamo in modo particolare. In testa agli investimenti – circa 10 milioni di euro – c’è l’ampliamento della RSA con la realizzazione di un reparto per l’Alzheimer, con un servizio di ospitalità tra i più avanzati a livello nazionale. Con questo intervento la RSA sarà più vicina alla famiglie e aiuterà direttamente la popolazione. L’appalto dell’opera è previsto per fine 2015″.

E sul fronte dell’istruzione?

“Anche questo è un settore che stiamo seguendo – e non solo da questi mesi, ma anche nel precedente mandato – e l’obiettivo è garantire servizi adeguati, in tutta la città. Abbiamo un progetto – che andrà in appalto nei prossimi mesi – nel rione De Gasperi con l’adeguamento e la sistemazione dell’edificio scolastico. Il costo di quest’opera è di 11 milioni di euro. Con la sistemazione dell’edificio ci sarà il risparmio energetico ed incrementando le sezioni. Sempre per la scuola è in programma l’ampliamento del liceo di Riva, indicata anche tra la priorità.

Le opere pubbliche e la viabilità?

“Anche qui non siamo fermi. I progetti sono numerosi. Interverremo su un vecchio compendio del centro storico che attende una sistemazione, mentre sulla viabilità abbiamo  già indicato una soluzione per ilo centro storico, con la pedonalizzazione di una parte di viale San Francesco e di quindi rendere ancor più vivibile il centro di Riva del Garda. In quest’ottica interverremo anche su viale Roma  e il prossimo anno pensiamo anche a varchi elettronici in centro storico”.

Sull’ente fieristico siete fermi?

“No. Il progetto del Palazzo dei congressi non è bloccato, sono in corso alcune valutazioni con la Provincia e l’ipotesi che è stata individuata è ampliare verso la zona est  dove ci sono aree disponibili, è ampliare il centro congressi, quindi un palazzetto dello Sport, poi parcheggi. Il costo delle opere è di 36 milioni di euro e l’appalto sarà affidato alla Provincia di Trento, come ente appaltante. Un ente fieristico di primo livello ci sarà compiere un salto di qualità e saremo in grado di avere anche un maggior numero di eventi e turisti che arrivano, soprattutto da Germania e Austria. Il progetto è ambizioso e sicuramente farà compiereun salto di qualità a Riva del Garda”.

E sulla qualità della vita?

“La nostra città è stata premiata per l’arredo urbano – che intendiamo potenziare ulteriormente con un investimento che ogni anno si aggira sul milione e mezzo – e il sondaggio tra i turisti è stato definito accogliente e gradita ai turisti. Il Garda, non solo Riva, ma anche Malcesine, negli ultimi anni sono stati premiati da un’indagine realizzata tra i turisti stranieri ed è in testa al gradimento per la qualità dei servizi che vengono offerti”.

Come vede il 2016?

“Un anno di cantieri. Se tutte le opere saranno appaltate avremo una città cantiere e ritengo che alcuni obiettivi sono alla portata, mi riferisco soprattutto su sociale e istruzione, ma anche alla viabilità e all’arredo urbano, dove continueremo a investire un milione e 500 mila euro ( contro i 600mila di qualche anno fa) per mantenere un alto livello con una città bella e sempre più accogliente”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136