QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Rifugiati in affiancamento ai boscaioli in Valsugana

sabato, 31 dicembre 2016

Borgo Valsugana – Ha avuto luogo presso il Distretto forestale di Borgo Valsugana un piccolo ma significativo incontro che ha completato un’esperienza di affiancamento di alcuni rifugiati alle squadre di operai del l’Ufficio distrettuale per complessive sei settimane, nel periodo tardo estivo-autunnale.

1All’incontro hanno partecipato, oltre ovviamente ai sei ragazzi africani coinvolti provenienti da Senegal, Burkina Faso e Nigeria, anche i rappresentanti degli enti e etrutture che hanno promosso l’iniziativa: Nicola Maganzini del Consorzio Lavoro e Ambiente (CLA), Sebastiano Martinelli e Nicola Serra dell’Associazione Centro Astalli, coinvolti nel progetti di accoglienza di CINFORMI, Paola Comin del Servizio Foreste e fauna, Roberto Dalledonne, Rosa Boneccher e Marco Olivari del Distretto forestale di Borgo afferente al citato Servizio. Ricordata tra gli organizzatori dell’iniziativa anche Miriam Bosetti di CLA, mancata improvvisamente poche settimane fa.

Dopo alcune parole di ringraziamento reciproco e di valutazione dell’esperienza da parte di tutti i presenti, si è proceduto alla consegna degli attestati di partecipazione all’iniziativa nonchè di quelli di frequenza dei corsi di formazione che i protagonisti hanno affrontato prima di cominciare il turno di due settimane di affiancamento agli operai forestali.

Tutti, con modalità e prospettive diverse, hanno manifestato elementi di soddisfazione, in particolare è emerso come anche l’apertura di una “finestra”, pur ridotta, sulla realtà lavorativa del mestiere di boscaiolo possa risultare utile per le persone coinvolte, e in qualche modo costituire una possibilità di crescita, che ognuno ha potuto cogliere in misura personale, secondo la propria inclinazione e volontà.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136