QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ricordato a Clusane il Maresciallo Di Bernardo, insignito della Medaglia d’Oro

sabato, 25 maggio 2013

Clusane-  E’ stata una cerimonia toccante quella di stamane a Clusane in ricordo del Maresciallo Luigi Di Bernardo, insignito dal Presidente della Repubblica della Medaglia d’Oro al Valor Militare dopo che l’allora Comandante della Stazione di Iseo che, da tempo aveva avviato delle attività d’indagine sul conto di una banda di criminali, ucciso a colpi di pistola il 26 maggio 1971, durante un appostamento da uno di tre nomadi che erano stati fermati per procedere alla loro identificazione.2013-05-25 10.56.29-1800

La figura del Maresciallo Di Bernardo è stata ricordata con una Messa solenne celebrata dal Cappellano Militare del Comando Provinciale Carabinieri di Brescia Padre Fabio Locatelli e dal Parroco di Clusane nella Chiesa Parrocchiale “Cristo Re” del paesino bresciano alla presenza della vedova Maria, dei familiari del sottufficiale, del Comandante Marco Turchi, di autorità provinciali e locali e di una folta rappresentanza di militari in servizio ed in congedo.

Al termine della cerimonia, il Comandante Provinciale ha dato lettura di alcuni passi di un breve testo che la vedova ha scritto Questi alcuni estratti: “ il lavoro era la realizzazione dei suoi ideali. Gigi credeva in modo incondizionato alla sua professione: agire per la legge ma anche per aiutare i più deboli. Come un cavaliere antico, aveva ricevuto un’investitura e voleva vivere per renderla testimone della sua fede nell’uomo e nella giustizia”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136