QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Regione, Valtellina: via libera al Piano territoriale d’area per lo sviluppo

martedì, 30 luglio 2013

Aprica-  ”Uno strumento innovativo messo a disposizione della Media e Alta Valtellina, pensato per favorirne lo sviluppo economico, turistico, nel rispetto dell’ambiente e del paesaggio. Oggi si chiude favorevolmente un percorso, che ha coinvolto pienamente il territorio e che certamente rappresenterà un modello per altre esperienze simili in Lombardia”.aprica3

Lo ha detto l’assessore al Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo di Regione Lombardia Viviana Beccalossi, commentando l’approvazione all’unanimità in Consiglio regionale del Ptra (Piano territoriale regionale d’area), che interessa 18 Comuni della provincia di Sondrio, dopo un’attenta condivisione con i soggetti politici, economici e sociali del territorio che hanno presentato le proprie osservazioni.

VALORIZZAZIONE DEL PAESAGGIO STORICO

“Tra gli aspetti più rilevanti previsti dal Piano – ha aggiunto Viviana Beccalossi - va ricordata la riqualificazione dei domini sciabili, la creazione di una grande via verde lungo l’Adda, la valorizzazione del paesaggio storico e la promozione di un modello di accessibilità ferroviaria come scelta di sviluppo sostenibile, mediante l’individuazione di un sistema di fondovalle che connetta Tirano con Bormio, con diramazioni verso Valfurva e Valdidentro, oltre ai collegamenti Livigno-Svizzera e con la provincia di Brescia, attraverso il traforo del Mortirolo”.

REGIONE LOMBARDIA COORDINA ATTUAZIONE PROGETTI

Per consentire l’attuazione dei progetti e continuare nella logica di condivisione del territorio, è prevista l’istituzione di una
Cabina di regia, coordinata da Regione Lombardia, che coinvolgerà i principali attori interessati come la Camera di Commercio, la Provincia di Sondrio, le Comunità montane e una rappresentanza dei Comuni.

PROGRAMMAZIONE CONDIVISA

“Questa esperienza di programmazione condivisa per un’area vasta – ha continuato l’assessore Beccalossi – può davvero rappresentare un caso scuola, che serva da esempio, a chi amministra, sull’importanza di fare sistema, per pianificare progetti, che devono avere un respiro ben più ampio rispetto alle logiche della politica o degli interessi di una sola parte. Inoltre, in un momento di difficoltà economica per gli Enti locali, soprattutto più piccoli, guardare oltre ai propri confini comunali significa risparmiare denaro e avere più possibilitàdi accedere a forme di finanziamento come quelle europee”.

TRASPARENZA E SEMPLIFICAZIONE

“Trasparenza e semplificazione -ha concluso Viviana Beccalossi- saranno i pilastri del ben più ampio progetto di revisione della Legge 12 sul governo del territorio, il cui iter inizierà da settembre. Vogliamo migliorare ulteriormente una delle norme fondamentali per la vita di tutti noi, perchè parla di urbanistica, case, ambiente, paesaggio. Una legge che in questi anni si è rivelata
straordinaria, ma che va adeguata allo scenario attuale: lo faremo coinvolgendo il sistema economico e gli ordini professionali”.

COMUNI MEDIA E ALTA VALTELLINA NEL PTRA

Questi i 18 Comuni  coinvolti nel Ptra Media e Alta Valtellina: Aprica, Bianzone, Bormio, Grosio, Grosotto, Livigno, Lovero, Mazzo di Valtellina, Sernio, Sondalo, Teglio, Tirano, Tovo Sant’Agata, Valdidentro, Valdisotto, Valfurva, Vervio, Villa di Tirano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136