Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Rassegna libraria ‘Incontri d’autore’: Lavarone ospita Vittorio Sgarbi

venerdì, 22 dicembre 2017

Lavarone – Da alcuni anni la rassegna libraria “Incontri d’autore” di Lavarone alla quale partecipano nomi di spicco del giornalismo, della politica, della cultura italiana contemporanea, ci riserva un appuntamento anche durante le festività natalizie.

sgarbiAppuntamento che per questo Santo Stefano 2017 è di tutto prestigio, poiché a salire sul palco del Centro congressi sarà niente meno che il professor Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte sarà sull’Alpe Cimbra per presentare il suo ultimo libro: Dal mito alla favola bella. Da Canaletto a Boldini, pubblicato dalla Casa editrice La nave di Teseo.

Storico dell’arte, critico d’arte, opinionista in molte trasmissioni televisive, politico e fondatore di partiti e movimenti politici dal Partito della Rivoluzione a Intesa popolare fino all’ultima esperienza, il movimento Rinascimento, Sgarbi è stato più volte eletto parlamentare ed ha ricoperto incarichi istituzionali di primo piano. Di poche settimane fa la sua nomina ad Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana dopo le recenti elezioni che hanno portato alla vittoria il centro-destra. Nomina che è avvenuta quasi in contemporanea (29 novembre) all’uscita del suo ultimo libro (15 novembre), Dal mito alla favola bella. Da Canaletto a Boldini, che verrà presentato a Lavarone martedì 26 dicembre alle ore 17.30 presso il Centro congressi comunale.

Si tratta del 5° volume della serie scritta dal critico, che continua il suo progetto di comporre una storia e una geografia dell’arte in Italia, guidando il lettore attraverso la scoperta di una galleria di meraviglie. In questa quinta tappa si viaggerà tra la Venezia di Canaletto e la Milano di Boldini, tra la fine Settecento e i primi Novecento alla scoperta di un vero e proprio catalogo di meraviglie spesso inaspettate, almeno per i non addetti ai lavori.

Sono secoli cruciali, che vedono il modificarsi degli stili e del gusto: dalla maestosità neoclassica, alla sensualità romantica, alla modernità futurista. Il libro si apre con Venezia nel segno del mito, in una luce che, per l’ultima volta, si diffonde in tutta Europa. Dopo i fasti di Tiepolo, Canaletto e Canova, iniziano, infatti, esperienze artistiche meno clamorose, eppure non meno straordinarie. In un itinerario che, da Venezia, ci porta a Roma, a Napoli, risale in Toscana e in Emilia in un arco temporale che dalla seconda metà del Settecento ci conduce ai primi decenni del Novecento, approdiamo, infine, a Milano, alla soglia delle avanguardie e in un momento in cui l’Italia sembra recuperare, con Boldini e la Belle Époque, “la favola bella”, appunto, una nuova e diversa centralità.

Vittorio Sgarbi disegna un rigoroso itinerario cronologico, ma prestando estrema attenzione a non tralasciare gli umori regionali, illustrando artisti noti e invitandoci, come sempre, a scoprirne altri meno noti ma non meno grandi. Bellotto, Piranesi, Hayez, la Scapigliatura, Stern, Signorini, De Nittis, Segantini, Pelizza da Volpedo, Morbelli, Klimt, Baccarini, Morbelli, Previati, per ricordare solo alcuni dei cinquanta autori illustrati in questo volume. Quella di Lavarone sarà una Lectio magistralis di storia dell’arte, ma probabilmente il professore non si esimerà dal far partecipe il pubblico delle sue riflessioni sulla più recente attualità.

L’appuntamento è per martedì 26 dicembre alle ore 17.30 al Centro congressi di Lavarone con ingresso libero fino ad esaurimento posti.

La rassegna “Incontri d’autore”  è organizzata dal Comune e dalla Biblioteca “Sigmund Freud” di Lavarone in collaborazione con l’Azienda per il turismo Alpe Cimbra, e con l’Associazione Il Respiro degli alberi, la sezione CAI-SAT di Lavarone, Publistampa arti grafiche, la libreria Giunti al Punto di Asiago, il patrocinio dell’Ufficio per il Sistema Bibliotecario Trentino e della Partecipazione Culturale e della Regione Trentino Alto Adige. Media partner dell’evento il Corriere del Trentino e il portale regionale di cultura, arte e spettacolo Crushsite.

Anche l’incontro invernale, così come quelli estivi, si concluderà con il consueto Aperitivo d’autore, durante il quale si potranno gustare e conoscere le specialità gastronomiche del territorio come il formaggio Vezzena, i salumi degli Altipiani Cimbri, lo strudel di mele e molto altro ancora grazie alla collaborazione dei produttori dell’Associazione Altipiani Cimbri Prodotto Qui, delle pasticcerie Muretto e  Corradi, dell’Azienda agricola Tullia Corradi, accompagnati dai vini dello sponsor cantina Vivallis.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136