QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Pubblici esercizi, Buratti: “Trento bella ma spenta, prioritaria una nuova visione del suo futuro”

sabato, 27 agosto 2016

Trento – Giorgio Buratti, presidente dell’associazione pubblici esercizi del Trentino e vicepresidente di Confcommercio Trentino, interviene sul dibattito sollevato dai quotidiani circa la “movida” nel capoluogo: «Dobbiamo accelerare – spiega – una revisione profonda delle regole per far vivere la città». confcommercio

Quando un’impresa chiude, cambia gestione o si trasferisce e ciò non dipende dalle leggi di mercato, dalla situazione economica, significa che c’è qualcosa che non funziona: «Se un’azienda chiude per mancanza di clientela è un fatto – dichiara Giorgio Buratti – e le cause vanno cercate in determinati fenomeni. Ma quando a far chiudere un esercizio sono motivi legati alla burocrazia, alle regole, alla gestione – in generale – della cosa pubblica, allora occorre dare il via ad una profonda riflessione e agire per aggiustare ciò che non funziona».

«I tavoli di lavoro – prosegue il presidente Buratti – aperti con l’amministrazione comunale, con il sindaco Andreatta e gli assessori Gilmozzi e Stanchina, vanno proprio nella direzione di seguire la volontà condivisa di rivedere i problemi e le criticità della nostra città (di tutta la città, non solo del centro storico). Tuttavia, ritengo che si tratti di un lavoro a cui non è stata assegnata la giusta priorità: i fatti come quelli riportati dalle cronache di questi giorni sui quotidiani ci mettono di fronte all’emergenza del fenomeno. La città sta vivendo un profondo momento di cambiamento e le regole che ci sono non sono più in grado di fornire risposte adeguate. Il rischio? Senza una volontà ferma di attuare una visione dello sviluppo della città che armonizzi e valorizzi le aspirazioni di residenti, cittadini, studenti, imprenditori e tutti coloro che contribuiscono alla vita sociale ed economica della città il rischio è di vanificare tutti gli investimenti fatti finora per rendere Trento una città attrattiva e con una qualità della vita molto elevata».

«Io credo – dice Buratti – che sia necessario procedere con estrema rapidità nella ricerca di una soluzione organica e integrata alle varie esigenze di tutti gli attori cittadini: e, vorrei ribadirlo, è opportuno non limitare il discorso al solo centro storico ma occorre allargare la visione a tutta la città. Faccio fatica, oggi, a scorgere una visione di futuro per questa città e mi dispiace. Abbiamo una città molto bella ma spenta. È il momento che si ritorni sui tavoli di lavoro con convinzione. Fermo restando il plauso a questa amministrazione per aver contribuito alla loro creazione mi pare che manchi la spinta giusta e che non sia perso di vista un interesse generale per cavalcare di volta in volta l’emergenza. Ora è tempo di cambiare passo».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136