QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Protocollo di finanza locale, Gianmoena: “Comuni chiamati a fare di più”

venerdì, 7 novembre 2014

Trento – Hanno sfidato la pioggia e i disagi del maltempo i sindaci e i presidenti di Comunità che, a Trento, non sono voluti mancare all’incontro con il presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi e l’assessore provinciale agli Enti locali Carlo Daldoss.val-di-pejo-4 

Un incontro convocato dal presidente dei Comuni Trentini Paride Gianmoena per fare il punto sulla bozza di Protocollo di finanza locale 2015 e per definire una serie di correttivi ritenuti opportuni dagli amministratori degli Enti locali.

Numerosi gli interventi in sala con richieste di chiarimento puntuali, in particolare sull’estinzione anticipata dei mutui da parte della Provincia attraverso anticipazione di fondi ai Comuni (237 milioni di euro in totale). L’assessore Daldoss ha precisato che si tratta di un’operazione prevista dal Patto di garanzia siglato a Roma lo scorso 26 ottobre e che sarà inserita in legge: un “accordo ponte” fino al 2018 che servirà a mettere in movimento liquidità.

Domande precise anche sulla tassa unica che comprende IMU e TASI con il sovragettito destinato allo Stato. Si tratta in totale di 73 milioni di euro, 13 in più rispetto allo scorso anno, dei quali i Comuni fanno da “esattori” per conto dello Stato. Su questo tema il presidente Rossi ha garantito che i 13 milioni scenderanno a 7 in virtù di una compartecipazione della Pat che sale a 6 milioni di euro. In questo contesto si inserisce il fondo di solidarietà di 2.5 milioni di euro per sostenere quei Comuni che si trovassero in difficoltà visto il maggior concorso relativo agli accantonamenti statali.

Forti richieste dai sindaci sono arrivate sul fronte del personale per fissare a una percentuale del 60 per cento la sostituzione dell’organico in uscita. Ferma la risposta dell’assessore Daldoss che ha affermato come il 40 per cento non può variare se non in base a deroghe specifiche.

I sindaci hanno quindi mosso la richiesta che, a partire dal 2016, venga garantita una quota del budget di legislatura ritenuto indispensabile per la manutenzione delle opere esistenti.

Dopo la riunione di Giunta di oggi, lunedì sono in agenda il Consiglio delle autonomie e, a seguire, la firma del Protocollo di finanza locale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136