QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Prosegue il ‘Giro della Solidarietà 2014′ a sostegno dell’iniziativa di ricostruzione degli alpini a Rovereto sulla Secchia

giovedì, 23 ottobre 2014

Rovereto – Grazie ad un intesa fra gli Alpini della Sezione di Trento da una parte, l’Azienda Tiefenthaler di Verla di Giovo e alla Trattori Landini di Fabbrico dall’altra, si sta svolgendo in questi giorni sulle strade di tutto il Trentino il “Giro della Solidarietà 2014”, una iniziativa volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sul progetto di ricostruzione degli Alpini a Rovereto sulla Secchia, in provincia di Modena, fortemente colpito dal terremoto del 2012.

All’iniziativa hanno aderito entusiasticamente anche alcuni big del mondo sportivo, primi fra tutti Maurizio Fondriest, Francesco Moser, Gilberto Simoni, ma anche Francesca Iachemet, la forte podista della Valle di Cembra.

Il progetto degli Alpini è importantissimo non solo per i “numeri” (il computo metrico parla di un edificio da 1 milione di euro! E le ore gratuite, alla fine, regalate dai vari volontari supereranno le 14.000!) ma anche perché ridà speranza ad una comunità, visto che verranno creati degli spazi aggregativi venuti meno dopo il sisma. Nove saranno infatti le associazioni che potranno utilizzare il centro, una volta ultimato, dai giovani agli anziani. E gli Alpini nel protocollo d’intesa con il Comune di Novi hanno voluto sottolineare che le associazioni del comune dovranno e potranno utilizzare gli spazi a titolo gratuito, corrispondendo solamente un piccolo rimborso per le spese elettriche ed eventualmente di riscaldamento.

Il “Giro della Solidarietà dopo essere partito mercoledì dall’Azienda F.lli Tiefenthaler di Verla di Giovo, Ha fatto tappa a Lavis, Mezzolombardo, Dermulo, Romeno, Fondo, Revò, Cles (dove Maurizio Fondriest si è posto alla guida di uno dei quattro mezzi), Tuenno e Sporminore. ALPINI SECCHIA RICOSTRUZIONE

La seconda tappa, giovedì 23 ottobre, con partenza da Sporminore e passaggio per Trento, Vezzano, Calavino, Arco, Riva, mori, Rovereto Nogaredo, con tappa alle Distillerie Marzadro, quindi arrivo ad Aldeno. La terza tappa, venerdì 24 ottobre, con partenza da Aldeno, transito a Trento, Vigolo Vattaro, Calceranica, Pergine Valsugana, Baselga di Piné, Valfloriana, Molina di Fiemme e arrivo a Cavalese. La quarta tappa vedrà i quattro trattori partire da Cavalese, quindi transitare per Passo S. Lugano, Ora, Egna, Roveré della Luna, S. Michele all’Adige e arrivo a Giovo, presso l’Azienda Tiefenthaler.

Quinta tappa domenica 25, con partenza da Lavis e ritorno in val di Cembra, scortati dagli Alpini di Giovo. In tutte le tappe ad attendere i partecipanti al giro ovviamente tanti Alpini assieme alla gente, incuriosita dal passaggio dei trattori. L’impegno degli Alpini nella ricostruzione della “Casa dello sport Tina Zuccoli”, che deve essere considerata non solo l’opera degli Alpini ma di tutta la comunità trentina, è costante, preciso. Per questo chi volesse donare un contributo può farlo attraverso il conto corrente bancario della Sezione Alpini di Trento – IBAN: IT 25O 083 0401 8060 0000 6306 272 – Causale: Pro Emilia


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136