QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Proposta autonomista per il Trentino: favorire le imprese locali negli appalti pubblici

giovedì, 2 gennaio 2014

Trento – Il 2014 potrebbe vedere una scelta strategica per il Trentino. Lo ”scatto in avanti” che per il 2014 gli autonomisti si attendono dalla Giunta provinciale è quello di favorire le imprese trentine negli appalti pubblici

Lorenzo Baratter, capogruppo in Consiglio Provinciale e regionale PATT (Partito Autonomista Trentino Tirolese) lancia una nuova sfida. “E’  tempo di consuntivi, riflessioni e di uno sguardo al futuro – spiega Baratter -. RicordereProvincia Trentomo il 2013 non solo come l’’anno in cui il centro sinistra autonomista ha vinto le elezioni portando Ugo Rossi alla guida della Provincia Autonoma di Trento, ma anche il momento storico in cui il Partito Autonomista Trentino Tirolese ha raddoppiato i suoi voti, diventando la seconda forza politica in Trentino”. “Il PATT  - aggiunge Baratter – può contare oggi su una forte squadra in Consiglio provinciale: una squadra che voglio personalmente ringraziare per la passione, competenza e serietà con cui sta affrontando questa nuova esperienza in un momento tutt’’altro che semplice per l’’economia e per la società in genere. Mi sia concesso di ringraziare ancora una volta le decine di migliaia di trentini che ci hanno accordato la loro fiducia, una fiducia che stiamo cercando di interpretare con rigore e senso di responsabilità.

Inutile ribadire la nostra forte preoccupazione in merito all’’emergenza lavoro e alle difficoltà che vivono quotidianamente le nostre imprese: una delle sfide centrali per il 2014 è sicuramente in questo senso la questione dell’’assegnazione degli appalti pubblici alle ditte locali”. La proposta: “Se il 2014 può e deve essere l’’anno dell’’inizio del rilancio dell’economia trentina, con conseguente ripresa dell’’occupazione – sostiene il capogruppo di PATT – , noi riteniamo necessario uno “scatto in avanti” da parte della Giunta provinciale: chiediamo in questo senso un impegno forte e deciso perché siano immediatamente individuate tutte le modalità per dare precedenza assoluta alle ditte trentine nell’’assegnazione degli appalti pubblici. Nel caso di gare d’’appalto d’’importo elevato (pensiamo al caso di importi superiori ai due milioni)  è necessario individuare prestissimo modalità che consentano anche alle ditte locali di prendervi parte”. Esistono certamente soluzioni percorribili: “E’’ amaro tuttavia osservare che nonostante i pressing della precedente Giunta provinciale sugli Enti locali, molti – troppi – lavori continuano purtroppo ad essere affidati ad imprese provenienti da fuori provincia e regione: questo, per noi, non va bene – conclude  Baratter -. Tutti gli Enti locali, in primis i Comuni e le Comunità di Valle, devono essere chiamati a una chiara assunzione di responsabilità: dare effettiva e immediata attuazione a quanto già previsto dai regolamenti, che prevedono – in tema di appalti pubblici – la precedenza alle ditte locali. Più lavoro alle ditte trentine equivale a tutela dei posti di lavoro, nuova occupazione, crescita del bilancio provinciale; aumento del bilancio provinciale significa nuovi investimenti in servizi per la collettività e salvaguardia dell’Autonomia. Dato che servono proposte operative immediate, come gruppo consiliare autonomista ci organizzeremo in tempi brevissimi per elaborare – anche attraverso il lavoro di una task force che andremo ad attivare – proposte e idee concrete da sottoporre quindi al governo provinciale, affinché si investa maggiormente sul Trentino e sulle sue imprese”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136