QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Predazzo: inaugurato un “ponte tibetano” sul torrente Travignolo. Collaborazione tra pubblico e privato

martedì, 29 settembre 2015

Predazzo –  Inaugurato a Predazzo (Trento) un “ponte tibetano” sul torrente Travignolo. Olivi:”Un frutto della collaborazione fra Provincia, Progettone, Comune, Comunità, volontariato”.

Un ponte sospeso sul torrente Travignolo lungo 40 metri, e a 25 metri dal suolo, di tipo “tibetano”, nell’ambito di un intervento di valorizzazione della località Sottosassa, vicino a Predazzo, in un angolo di Trentino paesagisticamente magnifico, è rimasto per lungo tempo non accessibile. L’opera, richiesta dal Comune di Predazzo, è il frutto di una sinergia fra Provincia, con il suo Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale, a cui fa capo il Progettone, Enti locali, volontariato e soggetti privati, e rappresenta un altro esempio di come i lavori socialmente utili rappresentino un valPredazzo parco tibetano1ore aggiunto per la comunità, consentendo di realizzare infrastrutture che valorizzano l’ambiente e il territorio o di recuperare spazi che sarebbero altrimenti abbandonati. Per il vicepresidente della Provincia e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi “quello che si è realizzato qui in questo luogo splendido, non solamente il ponte, ma anche il recupero di tutta l’area circostante, che ora è accessibile alla fruizione collettiva, costituisce innanzitutto una testimonianza della grande tradizione che esiste in questa valle nella cura e gestione dei beni collettivi. Ma è anche una testimonianza di cosa può fare il Progettone e di quali sono le collaborazioni che è in grado di mobilitare. Questa è la strada per il futuro. Altri stimoli e input in questa direzione saranno da noi accolti con favore”.

Gli interventi 

L’opera inaugurata oggi, alla presenza di molti cittadini attratti dalla novità, dalla sindaca di Predazzo Maria Bosin, con la sua assessora competente Chiara Bosin, del dirigente del Servizio per il Sostegno Occupazionale e la Valorizzazione Ambientale Innocenzo Coppola, e di numerose altre autorità, è stata realizzata a pochi chilometri da Predazzo, in una zona boscosa in località Sottosassa, raggiungibile con una strada sterrata. Essa consiste nell’attraversamento del torrente Travignolo con un ponte sospeso di tipo tibetano di una lunghezza di 40 metri, sostenuto da quattro robuste funi portanti saldamente ancorate al terreno tramite plinti in calcestruzzo e tiranti di acciaio inseriti in profondità nella roccia. Si cammina su un tavolato in legno di larice, fissato a sostegni in acciaio, con larghezza sufficiente per il passaggio di una persona alla volta.

I due parapetti laterali sono formati da una rete in acciaio sostenuta da funi e tondini di acciaio

Per la necessità di collocare le due spalle del ponte alla medesima quota, l’alloggiamento dell’estremità posta in destra orografica ha richiesto la realizzazione di uno scavo in roccia, in sinistra orografica invece la quota è stata raggiunta attraverso la costruzione di un terrapieno costruito in massi reperiti in loco.

Il ponte è raggiungibile attraverso due vie di accesso attraverso strade forestali: da Bellamonte per il versante posto in destra orografica e da Paneveggio-Ceremana per il settore opposto. I lavori si sono svolti fra la fine di agosto e l’inizio di ottobre 2014. Il Progetto è stato curato dal dottore forestale Ruggero Bolognani e dall’ingegner Massimo Vettorazzi dello Studio Tecnico Forestale Bolognani. La direzione dei lavori è stata seguita da Sandro Nesler del Servizio Sostegno Occupazionale della Provincia.

Lavori socialmente utili

Sono complessivamente oltre 1600 i lavoratori impegnati nel Progettone in Trentino per un investimento da parte della Provincia di oltre 49 milioni di euro all’anno.

Quello dei lavori socialmente utili è uno strumento pensato per dare un aiuto alle fasce più deboli dei lavoratori, consentendo a chi per vari motivi è uscito dal contesto produttivo, di lavorare, percepire uno stipendio e maturare i contributi per la pensione. Nello stesso tempo rappresenta una opportunità per gli enti e le amministrazioni locali che, in collaborazione con la struttura provinciale che coordina il Progettone (il Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale), possono realizzare importanti lavori di manutenzione o abbellimento del territorio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136