QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Post “The Floating Piers”: presentato il quadro di sviluppo territoriale per il futuro dell’area

mercoledì, 13 luglio 2016

Iseo – “Vogliamo continuare questo grande successo ed e’ la ragione della nostra presenza qui oggi, con l’intenzione di fare cose concrete. Con 16 sindaci del Lago presenti e’ una sorta di G16, ma con una assoluta determinazione alla concretezza”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, oggi pomeriggio, a Iseo (Brescia), all’incontro con i 16 sindaci del Lago di Iseo, territorio che ha ospitato l’installazione ‘The Floating Piers’ dell’artista Christo. All’incontro – nel cui ambito i sindaci hanno presentato al presidente un documento con le proposte e le richieste per il futuro dell’area del Sebino – hanno partecipato anche gli assessori regionali Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione), Viviana Beccalossi (Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana) e Mauro Parolini (Sviluppo economico), a cui il presidente ha affidato il coordinamento dell’azione regionale.incontro floating

PRIMO PASSO, L’ACCORDO DI PROGRAMMA – “Voglio raccogliere le proposte dei sindaci – ha detto Maroni -, che dovranno riguardare tre punti fondamentali: rete viaria, tutela ambientale e mobilita’, con la realizzazione di una pista ciclabile attorno al Lago come gia’ esiste sul Lago di Varese, che potrebbe essere colorata con la stessa tonalita’ della passerella di Christo e che abbia una forte identita’. Lo strumento piu’ idoneo per gli investimenti e’ l’Accordo di Programma, in cui stabiliamo le cose da fare e le risorse da mettere a disposizione. L’iniziativa deve partire dai sindaci, poi Regione Lombardia aderisce. Questo deve essere il primo punto di questo Tavolo e gia’ domani faremo avere a tutti i sindaci la documentazione per avviare l’AdP”.assessori regione lombardia

ENTI COINVOLTI – La fase iniziale prevede il coinvolgimento, oltre che della Regione, dei 16 Comuni, delle 2 Province e delle due Prefetture di Bergamo e Brescia. “Stiamo valutando – ha precisato Maroni – se coinvolgere la Fondazione Cariplo nell’AdP, perche’ faccia rientrare questo progetto tra le sue Azioni emblematiche”.

ALTRI INTERVENTI – “Lo strumento dell’Aqst, che e’ uno strumento di programmazione previsto per legge, – ha precisato il presidente – si presta a una articolazione piu’ ampia, e’ una sorta di masterplan, per poter inserire anche gli altri interventi, di valorizzazione delle bellezze artistiche e culturali, cosi’ come di potenziamento della ricettivita’ e delle infrastrutture viabilistiche e di collegamento. Ci sara’ poi un Accordo di programma specifico per le infrastrutture, per il quale stabiliremo chi verra’ coinvolto, come per esempio Trenord e Rfi”.

REGIONE PRONTA A FARSI CARICO DELLE STRADE PROVINCIALImaroni beccalossi parolini
Nel corso dell’incontro i sindaci di alcuni Comuni della sponda bergamasca hanno fatto presente i problemi viabilistici che riguardano le strade provinciali. “Non e’ una competenza di Regione Lombardia – ha spiegato il presidente -, ma, se la Provincia non ce la fa, potrebbe subentrare la Regione, trasformando le strade provinciali in regionali, da SP a SR. In Lombardia ci sono 10.000 chilometri di strade provinciali: con il venir meno delle Province, potrebbe toccare alla Regione prenderle in carico”.

RISORSE – “Compito della Regione e’ reperire le risorse – ha concluso -, perche’ saremo noi a doverci fare carico dell’importo maggiore, che sara’ dell’ordine di alcuni milioni di investimento. L’intesa tra i Comuni deve invece stabilire chi fa cosa, compreso il coordinamento. Il nostro e’ e deve essere un programma pluriennale e deve essere realizzato rapidamente.

Intanto sono stati stanziati 300.000 euro per i due Comuni, Sulzano e Monte Isola, che hanno sopportato il peso maggiore dell’evento. Entro la fine di luglio occorre avviare l’AdP, per poter anche quantificare le risorse necessarie e prevederle per la Legge di Bilancio regionale triennale 2017-2019 e procedere alla formalizzazione dell’Accordo tra settembre e ottobre.

PAROLINI: “CONTINUARE VALORIZZAZIONE ATTRAVERSO ARTE E CICLOTURISMO”

“Con il successo riscosso grazie a ‘The Floating Piers’ il lago d’Iseo oggi puo’ collocarsi in un target turistico di livello medio alto che potrebbe affermarsi e stabilizzarsi attraverso la valorizzazione artistica e i percorsi ciclabili”. Lo ha detto l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini a Iseo, nel corso dell’incontro del presidente Roberto Maroni con i 16 sindaci dei Comuni della sponda bresciana e bergamasca che hanno ospitato la passerella realizzata dall’artista Christo, con l’obiettivo di definire delle strategie sul futuro dell’area del Sebino.

ARTE
“Per quanto riguarda l’offerta artistica – ha spiegato l’assessore, al quale il presidente Maroni ha affidato il coordinamento delle azioni regionali in favore dell’area – credo che oltre a puntare su iniziative specifiche, magari di arte contemporanea, come e’ stata quella di Christo, sia necessario esaltare quella storica, presente in modo diffuso, da Sarnico a Iseo, a Pisogne, a Lovere e in Franciacorta, magari anche attraverso un testimonial che possa rafforzare questa valorizzazione”.

CICLOTURISMO
“Per il cicloturismo invece – ha continuato -, abbiamo numerosi percorsi ciclabili, in parte gia’ realizzati, in parte da realizzare. Regione Lombardia solo un anno e mezzo fa ha messo a disposizione 900.000 euro per completare un tratto del percorso sulla sinistra orografica e ora abbiamo approvato una misura, il cui bando uscira’ presto, per promuovere 7 itinerari ciclistici. E’ chiaro che quello dell’Oglio deve essere uno di questi”.

ANNO TURISMO
“Infine all’interno dell’Anno del turismo, che sta catalizzando le nostre iniziative di promozione complessiva della Lombardia – ha concluso Parolini -, alcune saranno riservate anche a questa zona. Ovviamente, piu’ coinvolgeranno gli operatori privati, oltre gli enti pubblici, piu’ saranno efficaci”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136