Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Piano Interreg tra Italia e Svizzera, pronti 31 milioni di euro

venerdì, 10 agosto 2018

Chiavenna – Rinnovato il patto tra l’Italia e la Svizzera. Con il recente decreto di Regione Lombardia sono in arrivo 31 milioni di euro per la cooperazione delle aree transfrontaliere Italia e Svizzera, nell’ambito dei trasporti, dei servizi di assistenza ai soggetti fragili e per la protezione civile. L’assessore regionale agli Enti locali, Montagna e piccoli Comuni, Massimo Sertori (nella foto), ha commentato con soddisfazione l’approvazione della graduatoria dei progetti all’interno del Programma Interreg Italia Svizzera.sertori

IL PROGRAMMA - Interreg Italia Svizzera 2014-2020 è un programma di cooperazione transfrontaliera che coinvolge Regione Lombardia, Regione Piemonte, Regione Autonoma Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano, Cantone Grigioni, Cantone Ticino e Cantone Vallese.

Regione Lombardia ha assunto l’incarico di essere autorità di gestione dell’intero programma. La dotazione finanziaria dell’intero Programma ammonta a 158.435 euro di cui 117.907 di parte europea (85% dalla Commissione Europea e 15% dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri italiano) e 42.960.000 franchi svizzeri di parte elvetica (50% di provenienza pubblica e 50% a titolo di autofinanziamento da parte del privato svizzero che aderisce ai singoli progetti).

PROGETTI RIGUARDANO MOBILITA’, ASSISTENZA A SOGGETTI FRAGILI -  Il 7 agosto Regione Lombardia ha approvato con decreto le graduatorie per il finanziamento dei progetti di durata pluriennale.  Si tratta di altri 22 progetti, pari a 26.138.183 milioni di euro per l’Italia e 6.371.982 franchi per la Svizzera. In tutto oltre 31 milioni di euro di contributi per progetti, destinati ai territori di frontiera tra l’Italia e la Svizzera.  Le iniziative svilupperanno azioni di collaborazione nel campo della mobilità integrata, elettrica e sostenibile, della promozione di servizi e nuove forme di assistenza a soggetti fragili, dello sviluppo di forme di governance quali: condivisione dei dati, sviluppo di competenze per decisori politici e comuni di frontiera, prevenzione dei rischi naturali.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136