QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pian Camuno: inaugurata la rotatoria tra le Provinciali 1 e 95, investimento da 750mila euro. Mottinelli: “Vicini al territorio”

mercoledì, 20 aprile 2016

Piancamuno –  Inaugurata la nuova rotatoria di Pian Camuno (Brescia). I lavori, con un costo di 750mila euro, i due terzi finanziati dalla Provincia di Brescia, 150 mila euro dalla Comunità Montana Valle Camonica e la restante quota dal Comune di Piancamuno, sono stati realizzati in tempi rapidi.

rotatoria Pian Camuno 1

L’opera era attesa da anni e con la presidenza Mottinelli ha avuto un impulso decisivo. Infatti è è un nodo cruciale del traffico: la rotatoria è all’incrocio tra la Provinciale 1 e la Provinciale 95, dove transitano attorno alle 40mila auto giorno dirette verso Pisogne, Darfo Boario Terme e Montecampione. La realizzazione dell’incrocio non è stato semplice, vista la dimensione della sede stradale, le varie diramazioni e la vicinanza alla linea ferroviaria e di un passaggio a livello.

rotatoria Pian Camuno 2

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti il presidente della Provincia, Pierluigi Mottinelli, il presidente della Comunità Montana, Oliviero Valzelli, il sindaco di Piancamuno, Renato Pe, quindi i colleghi della zona, in particolare di Darfo Boario, Artogne, Pisogne.

Il sindaco Renato Pe ha illustrato la novità dell’importante opera e ringraziato gli enti che hanno sostenuto economicamente l’opera, mentre nel suo intervento Pierluigi Mottinelli ha rimarcato “la vicinanza dell’Ente Provincia al territorio, nel realizzare opere importanti come quella di Pian Camuno”.taglio nastro rotatoria Pian Camuno

Sono poi intervenuti il presidente della Comunità Montana, Oliviero Valzelli, e i sindaci della zona, esprimendo soddisfazione per un’opera che risolverà i problemi del traffico in una zona nevralgica della bassa Valle Camonica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136