QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passaggio di testimone alla Comunità d’azione per il Brennero. Gilmozzi presidente per due anni

giovedì, 27 novembre 2014

Trento – Passa al Trentino il testimone della presidenza della Cab, Comunità d’azione per il Brennero. Nel biennio 2015 e 2016 la presidenza della Comunità d’azione ferrovia del Brennero sarà in capo al Trentino. La cerimonia di passaggio dal Tirolo al Trentino si è svolta a Innsbruck alla presenza dell’assessore alle infrastrutture e ambiente Mauro Gilmozzi (nella foto).

Dopo il saluto da parte del presidente Günther Platter e della vicepresidente Ingrid Felipe e il passaggio del testimone (un piccolo carotaggio delle gallerie) è stato fatto il punto sullo stato attuale dell’importante infrastruttura che, per altro, collegherà molto più velocemente il Trentino e l’Italia con l’Europa e, consentirà di trasferire il trasporto merci dalla strada alla Gilmozzi a Insbruck 1rotaia (ferrovia) con notevole vantaggio per le popolazioni e i territori.

Dopo l’illustrazione da parte dei dirigenti tecnici austriaci l’assessore Gilmozzi ha ringraziato per la costante collaborazione con il Tirolo e ha assicurato che “la presidenza trentina opererà in continuità con le tematiche approfondite fino ad oggi, valorizzando la collaborazione con altri organismi che si interessano degli aspetti del traffico sul corridoio del Brennero e sull’intero arco alpino.

In particolare il focus sarà su alcuni obiettivi strutturali quali l’attenzione alla prosecuzione dei lavori della galleria, delle tratte d’accesso del corridoio e inerenti l’interoperabilità; obiettivi strategici per il governo del traffico e l’introduzione di misure che indirizzino verso una maggiore sostenibilità dei modi di trasporto. Le azioni attraverso le quali raggiungere concretamente questi obiettivi sono principalmente l’aggiornamento dei dati sul traffico e sull’ambiente, azioni di lobbing anche attraverso contatti e collaborazione in particolare con la Commissione europea e i Governi centrali anche nell’ottica di diventare soggetto sperimentatore di azioni innovative, nonché di un’azione propositiva nei confronti del Forum del Corridoio Scandinavo Mediterraneo, senza dimenticare il coordinamento tra osservatori per lo scambio di esperienze, la realizzazione di convegni, seminari e produzione di documentazione specifica”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136