Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Parlamento Europeo: l’intervento dell’onorevole Lancini sulla sede EMA

mercoledì, 16 maggio 2018

Adro – La commissione PETI (che si occupa delle petizioni che possono presentare i privati cittadini al Parlamento Europeo) è stata valutata la procedura EMA (Agenzia Europea del Farmaco): intervento del parlamentare europeo Oscar Lancini (Lega).

On Lancini 1

Una delle rare volte in cui tutti gli Eurodeputati Italiani si uniscono contro un´Europa illiberale ed irrispettosa delle sue stesse procedure, che nella fattispecie ha umiliato lo stato italiano e la città di Milano sulla ormai nota ed incancrenita vicenda della sede EMA nel capoluogo lombardo. Bene ha fatto l’On Mario Borghezio, all’uscita dall´aula della commissione, ad accusare il rappresentate della Commissione Europea, tal Klaus Henning, di aver mancato di rispetto al Sindaco di Milano durante tutto il suo intervento nell’audizione PETI, con il suo atteggiamento irrispettoso e sbeffeggiando l’operato di un rappresentate democraticamente eletto dal popolo.

Dall’evidenza delle esposizioni emerse durante la commissione petizioni si deduce che: la sede di EMA ad Amsterdam non esiste, prerogativa invece indispensabile per il Parlamento Europeo, che pur essendo colegislatore è stato escluso dalla Commissione Europea violando la procedura legislativa ordinaria. La procedura di selezione è stata contestata dall’talia, dalla città di Milano e dagli eurodeputati italiani in quanto lesiva delle prerogative del Parlamento Europeo.

Non sappiamo quando la sede di Amsterdam sarà usufruibile dagli addetti ai lavori, come se non bastasse, l’edificio individuato dal governo olandese non è abbastanza capiente e soprattutto la gestione risulta molto più onerosa rispetto al Pirellone di Milano ed il costo della costruzione del nuovo edificio, sicuramente immerso nei tulipani, non è ancora stato reso noto.

Il Governo olandese ha scelto di escludere dalla gara tutte le altri grandi società di costruzioni, in palese violazione delle norme europee sulle gare d´appalto pubbliche, ad eccezion fatta per la Veermeer Dura, una società che aveva aiutato il governo olandese a rilevare il patrimonio immobiliare in pericolo

Durante il sorteggio è stato rimosso l´audio di registrazione dei lavori in aula della comissione, per quale motivo?  Molti dei documenti inerenti il sorteggio sono spariti, per quale motivo?

Non ci sono testimoni che attestino la regolarità del sorteggio, è normale? Visto i tempi incerti di realizzazione la preoccupazione che mi sorge spontanea è la seguente:  in caso di emergenza sanitaria, EMA sarebbe in grado di poter garantire la salute ai cittadini europei? Mi auguro di sì, ma credo proprio che alla Commissione Europea non gliene possa fregar di meno”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136