QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Parco dello Stelvio: verso la divisione dell’Ente e l’assegnazione delle deleghe a Trento e Bolzano

giovedì, 8 maggio 2014

Trento – Parco dello Stelvio, passo avanti verso la nuova normativa di attuazione. Dopo la presa di posizione della Regione Lombardia e il dibattito in Trentino, la Commissione dei 12, riunitasi a Roma per proseguire l’esame dello schema di norma di attuazione relativa alla delega alle Province di Trento e Bolzano della competenza statale afferente al Parco nazionale dello Stelvio, ha adottato oggi un testo di norma di attuazione a carattere preliminare, in attesa del completamento della fase istruttoria, finalizzata all’acquisizione dei pareri delle amministrazioni statali competenti, che darà il via al varo della norma definitiva.

Pejo - lavoratori Stelvio

Soddisfatto per il nuovo passo in avanti compiuto dalla Commissione dei 12 l’assessore all’ambiente trentino, Mauro Gilmozzi: “Le autonomie speciali non rinunciano all’esercizio delle loro prerogative, ma vogliono inserirle in un quadro unitario di programmazione ed indirizzo definito dal comitato di coordinamento, tenuto conto degli obiettivi europei di conservazione della natura”. Nel comitato di coordinamento, ricorda l’assessore, oltre a Stato e Regioni c’é spazio per Comuni e mondo ambientalista ed a livello locale sono poi garantite forme di partecipazione importante a tutti i portatori d’interesse a partire dalle ASUC. 

Sono anche stati sentiti dalla Commissione dei 12 anche alcuni rappresentanti di associazioni ambientaliste che ne avevano fatto richiesta di essere ascoltate. Un contributo considerato importante, ancorchè – di norma – la Commissione paritetica non procede ad audizioni. Dato, tuttavia, il rilievo del Parco Nazionale dello Stelvio e la particolare delicatezza nella definizione di nuove norme di attuazione statutarie che vanno a rafforzare ulteriormente la precedente norma di attuazione n. 279 del 1974, il contributo e la collaborazione propositiva del mondo ambientalista è stata riconosciuta indispensabile. Inoltre sono stati affrontati anche gli aspetti connessi alla particolare situazione del personale dipendente dal Consorzio del Parco nazionale dello Stelvio, nell’obiettivo di fornire idonee soluzioni legate al trasferimento di tali risorse professionali, anche in funzione della loro stabilizzazione.

Nella foto sopra l’incontro dell’assessore Gilmozzi con i lavoratori del parco Stelvio a Pejo


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136