QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Parco dello Stelvio, ora c’è la ratifica del Presidente Mattarella: la parte altoatesina passa a Bolzano

giovedì, 14 gennaio 2016

Bolzano – Dopo il via libera del Consiglio dei ministri di inizio dicembre, è stato abbattuto anche l’ultimo ostacolo rappresentato dalla ratifica del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il quale ha controfirmato la modifica delle norme di attuazione. “Da oggi – sottolinea l’assessore Richard Theiner - la parte altoatesina del Parco passa alla Provincia di Bolzano“.panorama stelvio parco

L’iter procedurale per giungere all’assegnazione della parte altoatesina era stato avviato poco meno di un anno fa con l’accordo fra Governo, Province di Bolzano e Trento e Regione Lombardia sul passaggio delle competenze gestionali e di tutela agli enti locali, ed era proseguito lo scorso mese di giugno con la sottoscrizione del protocollo d’intesa che fissava la suddivisione degli oneri di gestione fra Alto Adige e Trentino, nonchè il regolamento transitorio relativo all’amministrazione congiunta del Parco nazionale dello Stelvio.

Dopo il parere positivo della Commissione dei 12 giunto nel mese di agosto, e il via libera del Consiglio dei Ministri dello scorso dicembre, le modifiche delle norme di attuazione dello Statuto di autonomia hanno completato oggi (14 gennaio) il proprio percorso con la ratifica da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.”Si tratta di un grande risultato per la nostra autonomia – commenta l’assessore Richard Theiner – in quanto dopo anni otteniamo la gestione della nostra parte di territorio all’interno del Parco nazionale dello Stelvio. Un traguardo che non avremmo potuo raggiungere senza il fondamentale sostegno dei parlamentari altoatesini”.

Secondo Theiner, si tratta di una “grande occasione per poter mettere in campo la nostra strategia sull’organizzazione di questa importante struttura, coinvolgendo in maniera diretta i comuni, le organizzazioni ambientaliste, le parti sociali e tutti i gruppi di interesse che hanno a cuore il futuro del Parco dello Stelvio. Tutto questo – aggiunge l’assessore all’ambiente – senza perdere ovviamente di vista l’importanza di una gestione unitaria che sarà garantita dal comitato di coordimento che elaborerà le linee guida generali”.

Di questo organo fanno parte rappresentanti di Alto Adige, Trentino, Lombardia, Ministero dell’ambiente, associazioni ambientaliste e dei comuni il cui territorio amministrativo rientra nel Parco. Le nuove norme di attuazione entreranno in vigore subito dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136