QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Parco dello Stelvio: completati i cinque siti Natura 2000 in zone di conservazione

mercoledì, 25 gennaio 2017

Bolzano - Completata la trasformazione dei cinque siti Natura 2000 in zone di conservazione all’interno della parte altoatesina del Parco dello Stelvio.

Si è concluso l’iter procedurale previsto dall’Unione Europa per la trasformazione dei siti Natura 2000 da “siti di importanza comunitaria” a “zone speciali di conservazione”. Per le prime 35 aree il percorso si era concluso la scorsa estate, mentre oggi, con il via libera della Giunta provinciale, è stata portata a termine l’operazione anche per quanto riguarda gli ultimi cinque siti che ricadono all’interno della parte altoatesina del Parco nazionale dello Stelvio (Nella foto USP).

Parco Stelvio 0

Tutto nasce dalla direttiva europea su flora e fauna: per tutelare specie e spazi di vita di importanza comunitaria, infatti, gli Stati membri sono stati chiamati in un primo momento a designare i siti di tutela Natura 2000 (Siti di importanza comunitaria-SIC), e successivamente a trasformarli in Zone speciali di conservazione (ZSC).

“Per quanto riguarda l’Alto Adige – commenta l’assessore all’ambiente Richard Theiner – si tratta di 40 zone per un totale di 150mila ettari, circa il 20% dell’intera superficie territoriale. Con la trasformazione delle ultime cinque aree non solo abbiamo rispettato i termini stabiliti dalla UE, evitando di incorrere in sanzioni, ma abbiamo anche posto le basi giuridiche per dare il via alle misure di valorizzazione e conservazione del territorio che comprendono una serie di agevolazioni destinate prevalentemente all’agricoltura”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136