QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Numero unico di emergenza in Trentino, scatterà dal 1 gennaio 2016. Mellarini: “Servizio tempestivo”

martedì, 22 settembre 2015

Trento – Dal primo gennaio 2016 operativa la Centrale Unica. In Trentino, da gennaio 2016, vi sarà una centrale unica per le emergenze, che a regime comporterà l’utilizzo del numero telefonico unico 112. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore Tiziano Mellarini, con la quale viene adottato il modello organizzativo del “NUE 112 – Call Center Laico”. La centrale unica di emergenza avrà una scala regionale, frutto di un accordo con la Provincia autonoma di Bolzano, così da garantire quel bacino di 3 milioni di utenti previsti dalla normativa nazionale. Un bacino che Trento e Bolzano assicurano conteggiando le presenze turistiche sui due territori, che permettono di arrivare a circa 10 milioni di potenziali utenti. Le chiamate effettuate ai numeri 115 e 118 confluiranno al Call Center, dove gli operatori ne verificheranno la 118 caldopertinenza e l’appropriatezza, adottando protocolli di filtro codificati e validati a livello internazionale, accertando il tipo di emergenza segnalata, indirizzandola quindi verso le centrali operative di competenza che provvederanno all’invio dei soccorsi. In seguito, una volta a regime, rispondendo al numero unico 112, gli operatori potranno inoltre attivare anche le forze di polizia.

“Entro 30 secondi – ha spiegato l’assessore Mellarini – le chiamate che giungeranno al Call Center saranno smistate permettendo di individuare con altissima precisione il luogo dove intervenire e il tipo di intervento richiesto, sanitario o di polizia”. “Sono molto soddisfatto – ha commentato l’assessore Mellarini – per questo importante passo in avanti che vede valorizzata la dimensione regionale di un progetto che si tradurrà in un servizio innovativo a vantaggio della sicurezza della comunità. Grazie a questa novità potremo rispondere con ancora maggiore efficienza e celerità alle richieste di intervento, avendo a disposizione una tecnologia e una nuova organizzazione in grado di gestire meglio tempi e luoghi degli interventi”.

Con la delibera adottata oggi, la Provincia Autonoma di Trento, in coordinamento con la Provincia Autonoma di Bolzano, per garantire la massima efficienza ed efficacia nella gestione delle chiamate di soccorso, ha deciso di adottare il Numero Unico di Emergenza 112 secondo il modello del Call Center Laico che riceverà le chiamate ai numeri di emergenza 112-113-115-118.

Entro il primo trimestre del 2016, come definito con il Ministero dell’Interno, anche in Trentino ed in Alto Adige ogni richiesta di soccorso verrà presa in carico dal NUE 112 che garantirà il filtro delle chiamate alla Centrale dei Carabinieri – 112 – e della Polizia – 113, dei -VVF -115 – e del Soccorso Sanitario – 118.

Il cittadino avrà così sempre una risposta immediata e competente e potrà ricevere il supporto ed i soccorsi specialistici coordinati dalle centrali di secondo livello dove continueranno ad operare i professionisti oggi dedicati dei Carabinieri, della Polizia, dei VVF e dei sanitari. Ma per garantire la massima sicurezza di un sistema chiamato a gestire emergenze anche in situazioni di massima criticità, qual è il NUE 112, la Centrale Unica d’Emergenza di Trento è collegata con il NUE 112 di Brescia affinchè sia garantita la risposta al cittadino sempre ed in ogni condizione e contesto emergenziale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136