QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nel Bresciano palestra comunale destinata al Ramadan: la Lega Nord annuncia un’interrogazione

lunedì, 30 giugno 2014

Manerbio - Il vice capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale, Fabio Rolfi, interviene in merito alla decisione dell’amministrazione comunale di Manerbio di destinare per un mese la palestra comunale a luogo di preghiera per il Ramadan.riva-del-garda-foto-aeree-008

“Non solo la decisione è assurda, ideologica e pericolosa perché trasformerà Manerbio nel punto di riferimento delle comunità islamiche di Brescia e provincia, ma è anche – spiega Fabio Rolfi – in aperta contraddizione con la normativa regionale vigente che impone che i luoghi di culto siano individuati in sede di PGT, o variante dello stesso approvata dal consiglio comunale in totale trasparenza.

Non si può improvvisare scelte di questo genere, eludendo la legge e, cosa non secondaria, sottraendo alla comunità uno spazio con una funzione sociale importante come quella sportiva, costruito e pagato con le tasse dei cittadini di Manerbio per essere al servizio della comunità, non certamente per diventare luogo di bivacco o di preghiera ad Allah.”

“Questa decisione – prosegue Fabio Rolfi – va contrastata con ogni mezzo perché dimostra ancora una volta la condizione di sudditanza e di debolezza nei confronti del mondo islamico da parte delle amministrazioni comunali di sinistra. Se il Sindaco e la sua maggioranza vogliono destinare uno spazio alla preghiera islamica sul proprio territorio, devono avere il coraggio di proporre una localizzazione e portare il tema in consiglio comunale, come stabilisce la legge regionale 12/2005, assumendosi le loro responsabilità di fronte ai manerbiesi ed evitando di utilizzare espedienti da furbetti che si traducono soltanto nel sottrarre spazi pubblici ai cittadini di Manerbio per riservarli agli immigrati islamici. Per questa ragione presenterò nel più breve tempo possibile un’interrogazione in Consiglio regionale su questo tema per verificare – conclude Fabio Rolfi – la situazione e le modalità di applicazione della legge.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136