QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Nel Bresciano investimenti dalla Regione per presidi ospedalieri e cicloturismo sul Lago d’Iseo

venerdì, 19 dicembre 2014

Milano – Approvata delibera di Giunta per completare i percorsi ciclabili del lago d’Iseo. Nel merito è intervenuto il vice capogruppo della Lega Nord in Regione, Fabio Rolfi.Lago_Iseo_Peschiera_Maraglio_1_Ph._Assolato

“Sempre più i turisti, in particolare stranieri, conciliano la vacanza alla volontà di conoscere l’entroterra e vivere le bellezze naturali del luogo che decidono di visitare. Questo vale soprattutto per realtà dotate di grande rilevanza turistica e paesaggistiche come il Sebino; questo investimento, che raccoglie le istanze del territorio e che sarà attuato dalla comunità grazie al finanziamento regionale, rappresenta una grande opportunità per il lago d’Iseo.

A fronte di operazioni così importanti, soprattutto per l’utenza straniera da sempre molto affezionata ai nostri laghi, occorre risolvere definitivamente anche la spinosa questione dei campeggi. Il Sebino certamente necessita di maggiore tutela ambientale, soprattutto dalla speculazione cementizia, ma servono anche investimenti che facciano conoscere le sue bellezze e per questo non si può prescindere – conclude Fabio Rolfi – dalla difesa delle sue strutture recettive.”

Sanità – Approvati progetti su presidi ospedalieri territoriali di Orzinuovi e Leno

Con la delibera approvata oggi su proposta del vice presidente Mantovani vengono stanziate le risorse per far decollare i progetti POT (Presidi Ospedalieri Territoriali) di Leno ed Orzinuovi. Nel merito è intervenuto il vice capogruppo della Lega Nord e membro della Commissione Sanità, Fabio Rolfi.

“Nella sostanza – spiega Fabio Rolfi – si tratta di investimenti pari a 3 milioni di euro, finanziati da Regione Lombardia per riqualificazioni strutturali, riorganizzazione e potenziamento dei servizi territoriali, al fine di radicare e consolidare le prestazioni socio-sanitarie negli ambiti di competenza. Sono progetti estremamente importanti, che in una certa misura anticipano anche l’attuazione della riforma della sanità, che sarà caratterizzata dall’implementazione territoriale dell’offerta nella direzione di recuperare la centralità dei territori, dando nuova rilevanza a strutture ospedaliere di periferia, non certamente secondarie, soprattutto con riferimento alla gestione dei pazienti cronici.

Si tratta di progetti condivisi e apprezzati dai comuni e dalle associazioni coinvolte – conclude Fabio Rolfi – il cui finanziamento è giunto dopo un lungo e attento di iter di valutazione tecnica che ne ha certificato la validità.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136