QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Monte Bondone: tutto pronto per ospitare il Simposio internazionale 2016 dei Vigili del fuoco volontari-allievi. I temi? Integrazione e formazione

martedì, 3 maggio 2016

Monte Bondone – Circa 120 Allievi Vigili del Fuoco in rappresentanza di ben 13 nazioni europee, oltre alla Russia, aderenti al CTIF, il Comitato tecnico internazionale di prevenzione ed estinzione incendi.  Sono loro i protagonisti del Symposium 2016, che si svolge per la prima volta in Italia.Alberto Flaim e Mauro Donati 1

Ad ospitare i lavori, dal 5 all’8 maggio, il Centro formativo di Candriai Aerat sul Monte Bondone. Il 5 si riunirà, sempre a Candriai, la Commissione Internazionale dei Vigili del Fuoco Allievi (IJLK), che programma ed organizza le competizioni internazionali – le Olimpiadi CTIF, dedicate per l’appunto agli Allievi – che nel 2017 si svolgeranno a Villach, in Austria. Nella foto, Alberto Flaim e Mauro Donati stamattina alla presentazione, sotto il logo dell’evento e il programma (cliccare sulle foto per ingrandirle)

Integrazione e formazione nella tre giorni internazionale del Monte Bondone

Venerdì 6 maggio, con inizio alle 9, è prevista l’inaugurazione ufficiale della kermesse, che avrà come tematica principale quella, attualissima, dell’integrazione dei “nuovi cittadini” nell’istituzione dei Vigili del Fuoco, a partire proprio dagli allievi.  Manifesto simposio 2016

L’evento – presentato ufficialmente questa mattina presso la Federazione dei corpi dei Vigili del Fuoco volontari della provincia di Trento – che ha cadenza biennale, prevede tre intense giornate di confronto su argomenti inerenti il mondo dei giovani Vigili del Fuoco, per i quali ogni nazione invierà una rappresentanza formata da tre allievi e due accompagnatori, oltre a momenti volti a scoprire le eccellenze storico-culturali che impreziosiscono la città di Trento.

Il titolo del Symposium 2016 é “Youth fire brigade – Challenges of the future”. Una sfida che gli Allievi di tutta Europa, di età compresa fra i 15 ed i 18 anni (circa un milione in tutto il Continente, 1.400 in Trentino) sapranno cogliere e interpretare per portare avanti e migliorare sempre più questa tradizione secolare al servizio delle nostre comunità.

I temi in discussione nei vari workshop, tenuti rigorosamente in lingua inglese, sono, quello già citato legato all’immigrazione: “Integration: challenges/opportunities?”, che metterà in luce come il problema dell’integrazione dei ragazzi stranieri passi anche dai Corpi dei Vigili del Fuoco; “Youth Fire Brigade still has a future?”, incentrato sul futuro che attende i Vigili del Fuoco Allievi; “Challenges by children fire departements”, che si soffermerà sulla sfida che dovranno affrontare i bambini desiderosi di vestire la divisa da Vigile. E, infine, “Transfer of the Youth Fire Brigade to active duty”, dedicato al passaggio da Allievo a Vigile attivo.programma

La manifestazione è correlata al Gruppo di lavoro internazionale per l’estinzione di incendi che organizza negli anni dispari l’Olimpiade, e negli anni pari, appunto, il Simposio; anche Trentino partecipa con propria delegazione, che rappresenta l’Italia. Nella seconda giornata dei lavori è prevista una visita a Trento e al Muse (che partecipa all’evento insieme a Pat, Comune di Trento e Regione), dove si trascorrerà il pomeriggio del sabato in alcuni laboratori a tema scientifico appositamente predisposti.

«È un piacere ospitare questo evento importante a livello internazionale – ha detto il presidente della Federazione dei Corpi dei Vigili del fuoco volontari della Provincia di Trento, Alberto Flaim - nel quale tutti gli stati membri si ritrovano per approfondire le tematiche relative ai giovani Vigili del Fuoco volontari. Essi rappresentano il futuro di questo settore, e a loro guardiamo approfondendo temi come la formazione, l’integrazione ed il lavoro preparatorio dei ragazzi verso il loro futuro da adulti e di nuovi cittadini».

«L’immigrazione è un tema di grande attualità – ha detto il direttore della Federazione Mauro Donatie i Vigili del fuoco volontari possono diventare un player importante per favorire l’integrazione. La Federazione ha affrontato il tema già 10 anni fa, modificando lo statuto dei Vigili del Fuoco volontari e consentendo ai ragazzi stranieri di farne parte. Non è così in tutti gli stati che partecipano al simposio: alcuni affrontano queste tematiche per la prima volta e dunque sarà importante confrontarci».

DIRETTA TV E STREAMING
Per dare la possibilità di seguire il Simposio a tutti coloro che non potranno partecipare (per motivi logistici l’evento è a numero chiuso), per la prima volta quest’anno le fasi conclusive, con i risultati e le relazioni dei workshop, saranno trasmesse in diretta e in streaming sul sito di Trentino Tv e sul sito appositamente predisposto dalla Federazione http://symposium.fedvvfvol.it/. In tal modo ogni Corpo, in tutto il mondo, potrà seguire idealmente i propri Allievi che interverranno a questa prestigiosa tribuna.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136