QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Mobilità sostenibile: la Provincia di Trento pronta a fissare il limite dei 60 km/orari sui passi dolomitici

venerdì, 30 maggio 2014

Trento – Il  provvedimento adottato dal Consiglio provinciale di Trento potrebbe fare scuola e non solo in Trentino. E’ stata infatti approvata una mozione per fissare il limite dei 60 chilometri orari sui passi dolomitici.  Con 29 voti a favore (due astenuti, i consiglieri della Lega), il consiglio provinciale ha approvato la mozione presentata da Giuseppe Detomas (Ual), che impegna<La giunta a ridurre, per motivi di sicurezza e ambientali, il limite di velocità nei tratti dei passi di competenza della Provincia, ma anche ad individuare strategie efficaci di controllo per il rispetto del codice della strada anche da parte dei motociclisti, e a coordinarsi con la Provincia di Bolzano e la Regione Veneto per concertare e condividere le ipotesi di riorganizzazione e limstelvio1itazione del traffico sui passi dolomitici anche in rapporto alla realizzazione di manifestazioni sportive>.

La decisione spetta ora alla Giunta, con la definizioni dei limiti e di un regolamento. L’assessore all’Ambiente Mauro Gilmozzi, intende coinvolgere anche le Province vicine. Potrebbe così nascere un progetto di mobilità sostenibile. L’assessore Gilmozzi ha fissato come punto di partenza, e di confronto con le diverse istituzioni, quello di fissare il criterio dei 60 chilometri orari. Il provvedimento potrebbe quindi coinvolgere anche le altre Province, in particolare Bolzano con i passi alpini, nello specifico il Passo Stelvio (Nella foto sopra). 

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136