QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Metrobus, terminati i lavori alla seconda fermata di Ganda di sotto

venerdì, 25 marzo 2016

Bolzano – Sono stati ultimati a Ganda di sotto, nel comune di Appiano, i lavori per la realizzazione della seconda fermata del Metrobus, che collegherà l`Oltradige a Bolzano. L`opera di adeguamento ha consentito la realizzazione di un’area che consentirà le manovre dei mezzi articolati. Alla rotatoria la precedenza sarà garantita da un semaforo che regolerà l’accesso.metrobus bolzano alto adige

La prima fermata di Ganda di sotto, quella situata nella parte “alta” della frazione di Appiano, era già stata completata nella scorsa primavera, con un progetto che prevedeva anche il collegamento pedonale con la zona residenziale e con quella commerciale. Ora anche il secondo lotto dei lavori, affidati alla ditta DE.Co bau di Bolzano, nei pressi dell’incrocio fra la strada statale che porta a Passo Mendola e via Lamprecht, sono terminati. In precedenza l’area, come noto, non risultava adeguata alle manovre di mezzi articolati come quelli del Metrobus, e per questo motivo è stato previsto lo spostamento verso sud della fermata. Per garantire, inoltre, la necessaria priorità rispetto ai veicoli privati, è stata completata inoltre l’installazione di un impianto semaforico che regolerà il traffico e l’accesso alla rotatoria.

“Il Metrobus che collegherà Bolzano e l’Oltradige – commenta Mussner – è un progetto innovativo. Affinchè il bus diventi realmente una valida alternativa all’auto privata, l’obiettivo deve essere quello di adeguare le infrastrutture esistenti, per consentire che i mezzi pubblici abbiano la precedenza e vengano così ridotti i tempi di percorrenza”. I costi dei lavori, compresi quelli per la prima fermata di Ganda, nella quale è stato creato un collegamento pedonale con la zona residenziale e con quella commerciale, ammontano complessivamente a 1,16 Milioni di Euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136