QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Maglietta a raggi infrarossi per i ciclisti del team Lampre Merida. Positivo il debutto

venerdì, 24 aprile 2015

Darfo Boario – Il team Lampre-Merida, conosciuta in Valle Camonica, per gli stages invernali e la preparazione alla stagione si presenta con una novità: una maglietta a raggi  infrarossi. “WarmWild”, la start up comasca inventrice della t-shirt in bioceramica che regola la temperatura corporea mantenendola costante anche in condizioni estreme, da -40° a +36°, ha siglato un contratto di collaborazione e fornitura con una tra le più importanti squadre internazionali nel settore delle “due ruote”.

Grazie a un contratto di fornitura con una tra le più importanti e blasonate squadre internazionali, la maglietta in bioceramica che regola la temperatura corporea mantenendola costante anche in condizioni estreme, da -40° a +36°, conquista il mondLampre - Merida 2015o dello sport agonistico vestendo i corridori che affronteranno durante l’anno le principali gare di settore, dal Giro d’Italia al Tour de France.

La partnership tra Lampre-Merida, squadra che viene supportata dallo sponsor principale Lampre (azienda produttrice di lamiere prerivestite di Usmate con Velate – Monza-Brianza) e dal co-sponsor e fornitore di bici Merida (colosso taiwanese), e WarmWild, start up comasca che ha brevettato e commercializzato questo innovativo indumento, testato in più di 21 sport nei climi rigidi del Circolo polare Artico e Antartico ma anche in zone con clima molto caldo e umido, è iniziata ufficialmente proprio con la “Parigi – Roubaix”, gara disputatasi il 12 aprile che si snoda su un percorso di oltre 250 chilometri noto per i numerosi tratti in pavè.

“Con Lampre-Merida – sottolinea il cardiologo Giovanni Russo, fondatore, insieme a altri soci, di WarmWild – inizia per la nostra start up una prestigiosa collaborazione nel mondo dello sport ai più alti livelli. Un’occasione unica per promuovere e testare in ambito agonistico un capo di underwear che utilizza una tecnologia, quella della bioceramica, che ha già ottenuto un importante riconoscimento alla Fiera internazionale dell’abbigliamento sportivo (Ispo) di Monaco”.

I raggi infrarossi

L’indumento, frutto di un brevetto tutto italiano, sfrutta la capacità delle fibre di bioceramica, composta da 25 materiali tra cui argento, tungsteno e carbonio, di riflettere ed emettere Raggi infrarossi (FIR) che vengono assorbiti direttamente dalla pelle. “La bioceramica – spiega il cardiologo Giovanni Russo – aiuta a raggiungere velocemente un perfetto equilibrio termico, grazie a un miglioramento della microcircolazione e ad un’aumentata vasodilatazione superficiale. In questo modo gli atleti possono contrastare l’eccessiva sudorazione e la conseguente perdita di sali minerali oltre che la mancanza di comfort”.
La maglietta è stata testata in controlli a doppio cieco e crossover, come si fa in Medicina. “I Raggi Infrarossi – prosegue Russo – hanno innumerevoli proprietà, che possono essere sfruttate dal corpo umano, in particolare durante l’attività fisica. Diversi studi clinici condotti in Giappone negli ultimi 20 anni hanno visto i raggi infrarossi usati nella terapia Waon Theraphy, che significa calore lenitivo, in diversi disturbi del nostro corpo. In particolare, hanno dimostrato come i cardiopatici anche gravi possano trarre beneficio da questi raggi. E’ da qui che siamo partiti per creare il nostro prodotto che abbiamo sottoposto sia ad atleti professionisti che amatoriali”.

La maglietta di WarmWild, che ha recentemente riscosso l’interesse anche del settore militare nell’ambito del quale sono in corso alcuni test, è l’underwear ideale per tutti gli sport come running, bike, mountain bike, sci, snowbord, alpinismo, ma anche semplicemente per chi va a camminare. Si tratta di un capo che pesa solo 125 grammi, è antibatterica, una volta lavata si asciuga in pochi minuti e i suoi effetti sono garantiti 100 anni.

Il team Lampre-Merida

Nata da una passione di Romeo Mario Galbusera nel 1990, il Team Lampre-Merida è oggi tra le squadre più importanti a livello internazionale. La passione, l’intraprendenza e lo spirito di gruppo, che da quarant’ anni caratterizzano le attività di Lampre, sono elementi fondamentali anche nel mondo del ciclismo. Il ciclismo rappresenta un grande mezzo di comunicazione per Lampre, che non producendo beni di largo consumo, può diffondere il proprio nome e la propria identità in tutto mondo grazie alle divise dei corridori. La visibilità offerta dalle riprese televisive, così come dalle divise degli amatori, ha convinto molte grandi aziende a diventare sponsor del Team Lampre: Diana, Colnago, Polti, Panaria, Daikin, Caffita, Fondital, NGC, Farnese Vini, ISD, Merida e molte altre.
Dal 2013, Lampre è affiancata da un partner di tutto prestigio, ovvero Merida, azienda taiwanese all’avanguardia nella tecnologia ciclistica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136