QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’ultimo saluto al partigiano camuno Pietro Troletti, nome di battaglia “Traliccio”

domenica, 2 febbraio 2014

Cividate Camuno –  Addio a Pietro Troletti, ultimo partigiano di Cividate Camuno.  Pietro Troletti aveva fatto parte del gruppo del colonnello Giacomo Cappellini e sarà ricordato come uno dei più temerari e arditi nelle azioni della Resistenza in Valle Camonica.

Pietro Troletti (nome di battaglia Traliccio) partigiano camuno, deportato in Germania, riuscì a fuggire avventurosamente dal campo di lavoro in Germania, si rifugiò con altri compagni sulle montagne. Pietro Troletti conobbe Bruna Amati dopo la fuga. Lui ferito sulle montagne e lei ogni giorno percorre i molti chilometri che la separano da casa fino al rifugio sotto la montagna per portare messaggi, aiuti, medicine. Conclusa la guerra Bruna e Piero si sposano e si trasferiscono a Bologna dove Piero cura gli interessi di famiglia, rimettendo in piedi con impegno e duro lavoro l’azieValle camonica partigianinda agricola devastata dalle incursioni e dai bombardamenti. Hanno quattro figli, due maschi morti in tenera età e due femmine. Bruna e Pietro mantengono sempre viva negli anni la sua passione partigiana, rinnovata ogni anno nelle celebrazioni al Mortirolo dove con gioia si riunisce ai compagni di un tempo, fino all’ultima partecipazione del settembre 2006 poiché Bruna muore l’anno seguente, il 13 agosto. Ieri è morto il marito Pietro, 90 anni. Tanti i ricordi tra cui la nascita delle “Fiamme Verdi” in Valle Camonica. Il funerale si terrà martedì alle 15 a Cividate Camuno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136