Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Lombardia, 30 nuove guide di media montagna

giovedì, 12 luglio 2018

Chiesa Valmalenco – Sono 30 le nuove guide di media montagna che, nei giorni scorsi a Chiesa Valmalenco (Sondrio), hanno superato gli esami di abilitazione per Accompagnatore di media montagna (AMM). Un ruolo, quello degli accompagnatori, volto a divulgare gli aspetti culturali che caratterizzano la montagna con particolare attenzione sia a quelli naturalistici sia a quelli legati al territorio lombardo, ai suoi costumi, ai suoi usi e alle sue tradizioni. Per la provincia di Bergamo sono 5 gli idonei, in provincia di Brescia rilasciate due idoneita’, per la provincia di Sondrio sono 6 gli idonei.

NUMERI RADDOPPIATI – “Il vostro ruolo – ha detto l’assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi – e’ determinante perche’ non solo avete la responsabilita’ delle persone che accompagnate, ma siete veri e propri ambasciatori della Lombardia sul territorio montano. I numeri parlano da soli e l’edizione di quest’estate supera tutte le aspettative. Il lavoro quotidiano ripaga sempre e il fatto che alcuni tra i partecipanti provengano da fuori regione e’ un ottimo risultato”.

TEST A TUTTO TONDO PER L’IDONEITA’ – L’Accompagnatore di media montagna, figura professionale prevista negli ordinamenti regionali, svolge le attivita’ di accompagnamento proprie delle guide alpine, con esclusione delle zone rocciose, dei ghiacciai, dei terreni innevati, di tutte quelle escursioni che richiedono l’uso di corda, piccozza e ramponi. Dopo il corso di formazione di 55 giorni, i candidati devono superare 2 prove orali e 3 in montagna: la prima, tecnica, su un percorso escursionistico con dislivello minimo in salita di 1.500 metri, la seconda, di resistenza, consiste nel percorrere in 1 ora un dislivello di 700 metri. Con la terza prova, infine, si accertano la capacità di orientamento, di lettura e utilizzo di strumenti cartografici e topografici senza apparecchiature digitali. Concludono gli esami un test culturale a risposta multipla e un colloquio individuale sul curriculum escursionistico e sulle motivazioni alla pratica di questa professione.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136