QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’iniziativa del “Quadrilatero dell’Unesco” dimentica Brescia e i siti camuni

lunedì, 17 febbraio 2014

Capo di Ponte – Tante parole, pochi fatti. I siti camuni  di interesse culturale sembrano dimenticati. Infatti l’Expo ha esposto i gioielli dell’Unesco, ma della Valle Camonica e del Bresciano si sono perse le tracce.

camonica

Tante le parole, i tour di amministratori e delegati di Expo 2015, purtroppo quando si arriva alla presentazione dei gioielli vengono dimenticate le aree di maggior pregio. Finora pochi si sono accorti che nel “Quadrilatero dell’Unesco”, il percorso integrato tra Lombardia ed Emilia, che punta a valorizzare il turismo e le aree delle province di Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Bologna e Mantova, non c’è traccia delle zone camune, neppure di Brescia e dintorni. Così sono arrivati i primi dubbi e Francesco Onofri ha lanciato una petizione on line con la sua Piattaforma Civica e avviato la raccolta firme. La dimenticanza è ritenuta grave dei camuni e si attendono le contromosse per valorizzare un’area da decenni patrimonio dell’Unesco.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136