QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’ex premier Prodi conclude a Pergine la sua visita in Trentino

mercoledì, 21 settembre 2016

Pergine – L’ex premier Romano Prodi conclude a Pergine la sua visita in Trentino. Rossi: “Dobbiamo tirare fuori il meglio della nostra specificità”.

“Oggi più che mai, il Trentino ha bisogno d’innovazione e di internazionalizzazione, ma anche di prendere coscienza delle proprie potenzialità, quelle di un territorio vocato alla competitività e chiamato a “tirare fuori il meglio” dallapropria specificità”. Queste le parole del governatore Ugo Rossi intervenuto nel pomeriggio a Pergine Valsugana dove Romano Prodi, su invito della Cassa Rurale Alta Valsugana, ha tenuto una conferenza sul tema “Il mondo rallenta: esiste un piano B?”

prodi-pergine

“Incontri di questo livello – ha spiegato Rossi – sono molto preziosi per il Trentino ed interpretano quel bisogno di ripresa che ci vede già da tempo impegnati. Quello che vogliamo lasciarci alle spalle – ha detto Rossi, accompagnato dall’assessore Carlo Daldoss – non è una semplice crisi, ma un cambiamento epocale. Per uscirne definitivamente serve fiducia”.

“Non so se esista un piano B – ha aggiunto Rossi richiamando il titolo della conferenza – ma ho in mente alcuni numeri: l’Europa rappresenta l’8% della popolazione mondiale, il 25% del Pil e il 50% della spesa sociale di tutto il pianeta. Spero che il nuovo modello di crescita che saprà affermarsi – ha concluso – qualsiasi esso sia, sappia difendere questa capacità di spesa nel sociale, affinché si possano esportare diritti e regole, incamminandosi verso una crescita positiva. Se l’Europa riuscirà a trovare un po’ più di unità, potrà ancora rivendicare questo ruolo”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136