QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

L’esperienza del Trentino alla conferenza sul clima a Varsavia

giovedì, 5 dicembre 2013

Trento – I giovani trentini a Varsavia per la conferenza sul clima dell’Onu. Grazie alla collaborazione fra l’Assessorato provinciale alla Cooperazione allo sviluppo, l’Università di Trento, l’Associazione Jangada, l’Associazione Viração e l’Osservatorio Trentino sul Clima, una ventina di giovani – per la maggior parte studenti universitari e delle scuole superiori del Trentino – ha partecipato alla Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP19), tenutasi a Varsavia.Conferenza Onu

I trentini hanno preso parte in particolare al progetto internazionale Agenzia di Stampa Giovanile, che ha coinvolto una quarantina di altri coetanei del Brasile, Argentina e Colombia, con l’obiettivo di divulgare i risultati della Conferenza attraverso comunicati stampa, articoli e interventi anche su testate on line e blog e così via. “Questa iniziativa – ha sottolineato l’assessora Sara Ferrari nel corso della  conferenza stampa tenutasi in Provincia per presentare i risultati dell’ esperienza – tocca diverse competenze in capo all’Assessorato: l’università, i giovani, la cooperazione allo sviluppo. Trovo molto significativo che alcuni degli attori della ricerca, anche locale, abbiano collaborato con gli studenti trentini in una sede internazionale così importante, con l’obiettivo di una sensibilizzazione più vasta sul tema dei cambiamenti climatici. Ed è importante che i giovani che hanno  partecipato alla conferenza di Varsavia adesso ‘riportino a casa’ i  risultati della loro esperienza, perché così come le questioni globali impattano sulla dimensione locale, anche le azioni condotte localmente
hanno un impatto sul mondo globale. E’ importante infine che i partecipanti alla COP 19 abbiano in parte cofinanziato la loro partecipazione, attraverso iniziative realizzate in Trentino. Anche questo è un segno di maturità e va nella direzione di una più forte corresponsabilizzazione di tutti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136