QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

L’Ambasciatore argentino in visita alla Camera di Commercio di Trento

sabato, 23 novembre 2013

Trento – Un incontro speciale con uno sguardo al futuro. L’Ambasciatore argentino, Gustavo A. Moreno, ha incontrato Gabriele Calliari e Mauro Leveghi, rispettivamente Vicepresidente e Segretario generale dell’Ente di via Calepina, oltre a Graziano Molon Direttore di Trentino Sprint, nella sede della camera di Commercio di Trento. L’incontro, è stato organizzato per proseguire un confronto istituzionale franco e ribadire l’importanza che entrambi i territori attribuiscono alla necessità di collaborare per rafforzare i rapporti economici a sostegno delle imprese già internazionalizzate e di quelle che si apprestano a diventarlo.

GLI SCAMBI COMMERCIALI

Sono stati quindi illustrati i dati – elaborati dall’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio di Trento – che inquadrano la portata degli scambi, suddivisi anche in base al valore delle merci.

Le esportazioni dal 2000 al 2012Camera Commercio 1

Le esportazioni della provincia di Trento verso l’Argentina hanno conosciuto una calo sensibile a partire dal 2002 in corrispondenza della crisi economica che ha colpito il Paese sudamericano. Il recupero verso i valori del 2001, dapprima lento, ha mostrato una decisa accelerazione negli ultimi due anni raggiungendo la soglia record di oltre 16 milioni di euro di merci esportate. In attesa dei dati definitivi aggiornati al 2013, l’osservazione degli indici relativi ai primi due trimestri del 2013 confermano l’alto livello di esportazioni degli ultimi anni, seppur in lieve attenuazione rispetto alle performance del 2012.

Nelle ultime annate, il tasso di crescita dell’export trentino verso l’Argentina è stato superiore a quello dell’export provinciale totale (peraltro in costante aumento), dato che assume ancora maggior rilevanza se messo a confronto con i tassi delle esportazioni complessive dall’Italia all’Argentina (1.018.420.127 euro) che presentano un andamento decisamente meno positivo.

In ordine di valore, nel 2012 l’Argentina rappresentava il 33° Paese di esportazione per il Trentino, con una crescita marcata rispetto all’anno precedente (era al 49° posto), quando le aziende esportatrici trentine verso l’Argentina furono 37, in leggero calo rispetto alle 45 del 2010.

In termini di valore, le principali merci esportate sono:
- macchinari e apparecchi n.c.a. (7.495.676 euro)
- pasta-carta, carta e cartone (4.890.410 euro)
- altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (2.883.679euro).
Le importazioni dal 2000 al 2012
Le importazioni dall’Argentina al Trentino si collocano su valori molto più contenuti rispetto alle esportazioni.
Esse hanno mostrato una tendenza alla crescita fino al 2005, quando è stata sfiorata quota 10 milioni di euro; dal 2006 il valore delle merci importate dal Paese sudamericano è calato costantemente, anche in conseguenza delle crisi economiche che hanno pesato sulla domanda dall’Italia, fino a raggiungere il valore minimo di 1.770.000 euro nel 2010 e mantenendosi stabili nel biennio successivo. I primi due trimestri del 2013 sembrano preannunciare un ulteriore drastico calo per l’anno in corso.

Il trend negativo delle importazioni dall’Argentina in Trentino viene confermato mentre risulta un po’ meno negativo, anche se non molto distante dai livelli di 10 anni, il dato sulle importazioni complessive italiane da questo Paese. I valori delle principali categorie di merci importate in Trentino (dati 2012) sono:- carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne (533.396 euro), pietre tagliate, modellate e finite (765.351 euro) e altri prodotti delle industrie manifatturiere n.c.a. (232.134e uro).

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136