QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Lago di Garda, Legambiente boccia undici zone su venti per l’inquinamento

mercoledì, 10 luglio 2013

Garda- Una bocciatura forte. Questo il parere di Legambiente sulla riviera del Garda, in particolare su torrenti, piccoli fiumi, canali, scarichi fognari. Col Lago di Garda si è chiuso il viaggio della Goletta dei Laghi di Legambiente tra i grandi bacini del nord:  il risultato peggiore spetta alla sponda lombarda del lago che separa Lombardia, Veneto e Trentino, in cui sei prelievi su nove hanno dato esito quantomeno ‘inquinato’, mentre quella veneta ne ha fatti registrare ‘solo’ cinque. Si salva la sponda a Nord, trentina, in cui su due prelievi i risultati sono stati sufficienti dal punto di vista dell’inquinamento.legambiente

Risultano fortemente inquinate le acque alla foce del canale nei pressi della spiaggia in località «Le Rive» a Salò, il torrente nei pressi del porto di Padenghe, la foce del canale in via Agello a Rivoltella. E ancora: la foce del torrente Bornico a Toscolano, la foce del torrente Barbarano a Salò. Si salvano solo  le acque alla foce del Torrente S. Giovanni a Limone, quelle del lungolago Battisti di Desenzano e la foce del torrente Toscolano a Toscolano.

Secondo il rapporto di Legambiente ciò che desta forte preoccupazione è lo stato dei fiumi che poi confluiscono nei bacini lacustri. I corsi d’acqua in questione presentano alti tassi di inquinamento, dovuti a vari fattori, tra cui quello che ben 1/4 degli scarichi fognari italiani non viene depurato. Legambiente ha invitato i Comuni a impegnarsi ad un controllo concreto contro gli scarichi abusivi. Un quadro a dir poco disastroso per questo tratto del lago, mentre fortunatamente sulla sponda trentina le cose vanno decisamente meglio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136