QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

La Valle di Ledro si conferma un gioiellino del turismo Trentino: oltre 300mila presenze estive

venerdì, 4 marzo 2016

Ledro – La Valle di Ledro si conferma un piccolo gioiello del Turismo in Trentino, in particolare di quello estivo. E’ quanto emerso nell’annuale assemblea del Consorzio Turistico della valle che ha visto una folta presenza di Imprenditori e anche di amministratori comunali, a cominciare dal Sindaco Renato Girardi.assemblea

Sono state 310.025 le presenze turistiche certificate dell’estate 2015 - ha ricordato la presidente Maria Demadonna nell’assemblea chiamata a votare il bilancio consuntivo 2015 e preventivo 2016 del Consorzio, poi approvati all’unanimità – che colloca la Valle di Ledro al decimo posto in Trentino, dietro alle principali destinazioni turistiche della nostra Provincia ma davanti ad altre Apt di nome. Ed anche il dato annuale, cioè che tiene conto anche della stagione invernale, vede la Val di Ledro difendersi con grande onore. Complessivamente si è registrato un +7,74 negli arrivi e un +4,31 nelle presenze. Va evidenziato che il nostro è veramente un turismo internazionale – ha aggiunto – grazie a una clientela che per il 54% è italiana e per il 46% arriva in valle da varie Nazioni”.

Un risultato che la presidente Demadonna ha legato alle iniziative promosse dal Consorzio in ambito culturale, sportivo, sociali ed ambientali, al fine di valorizzare tutte le ricchezze presenti in Valle. In tale ambito rientrano le sempre maggiori sinergie con Trentino Marketing, soprattutto sul fronte internazionale con la partecipazione a eventi fieristici in quelle realtà significative sul fronte delle presenze turistiche, Olanda e Germania, in particolare. “Abbiamo operato anche sul fronte del Mercato nazionale sia con nostre iniziative, sia supportando con l’Ufficio stampa gli eventi organizzati nella nostra valle – ha aggiunto Maria Demadonna -: da quelle a carattere sportivo (Triathlon e Skyrace, tra le altre) a quelle culturali-didattiche (Notte nelle palafitte, Kawai, Ledro Comics).Vanno poi ricordati il ritiro del Viadana Rugby e della nazionale italiana di Sci nordico, che ci hanno consentito di proporre la Valle di Ledro in altri ambiti e rafforzarne ulteriormente l’immagine di destinazione di vacanza in grado di soddisfare le esigenze di un’ampia platea turistica: dalla famiglia agli atleti di primissimo piano. Ma anche grazie ai vari progetti promossi dal Consorzio turistico: Vacanze con gusto, Notte in palafitta, Escursioni Natura, Progetto Inverno, Mtb, Albe in malga, Progetto Fumetto, Ledrowell e Fotografia, Trentino Fishing.

La presidente ha quindi ringraziato Soci, dipendenti e le Autorità, per la collaborazione ricevuta in questo triennio. “Con il Cda abbiamo operato per migliorare l’attività del Consorzio sul fronte sia interno sia esterno. Sono state messe in atto iniziative di razionalizzazione della nostra attività con l’intento di recuperare ulteriori risorse economiche da destinare all’insostituibile azione promozionale della nostra offerta, che deve necessariamente essere alla base della nostra attività. Sono sempre più convinta di quanto avevo affermato lo scorso anno: il nostro turismo e la nostra valle hanno tutte le carte in regola per puntare verso prospettive d’alta qualità, di nicchia, mirando a elevati standard d’accoglienza per gli ospiti.  È indubbio che le risorse ambientali e la bellezza paesaggistica siano il reale vantaggio competitivo del nostro territorio. È altrettanto vero che il nostro Fare turismo oggi a Ledro, riesce a trasmettere al turista la sensazione di Autenticità, che si alimenta nello stretto rapporto che il Consorzio Turistico della Valle di Ledro mantiene con l’Amministrazione Comunale di Ledro, con le Pro Loco, con le Associazioni sportive e culturali. È nella creazione di una fitta rete di comunicazioni e “contaminazioni” con i soggetti privati che anche la politica turistica può trovare un suo scheletro e una sua fisionomia”.

La presidente Demadonna si è soffermata sul tema Unesco: per sottolineare come “il riconoscimento a Riserva della Biosfera fa sì che oggi il nostro territorio sia tra i pochi a livello Mondiale che si possa fregiare di due inserimenti nella lista del World Heritage. Un aspetto non da sottovalutarie sia per le implicazioni sul piano della promozione (parliamo di una realtà mondiale) sia sul piano della certificazione del nostro territorio a realtà di altissima qualità, ambientale e culturale. E questo un tema su cui si dovrà lavorare i prossimi anni in sinergia con Muse, Provincia Autonoma di Trento e Trentino marketing”.

Il Sindaco Renato Girardi ha parlato del Progetto museale del Risorgimento legato alla figura di Garibaldi per il quale sono in corso contatti con l’amministrazione provinciale e l’assessore Tiziano Mellarini in particolare,  e gli stanziamenti per il miglioramento del Museo delle palafitte (sul quale il Consorzio sta predisponendo un intenso intervento di Comunicazione legato al progetto Notte in palafitta in sinergia con Muse, Provincia autonoma e Trentino marketing). Ha anche ricordato i lavori che verranno effettuati sulla Ponale (che hanno visto un incisivo intervento dell’amministrazione comunale di Ledro) e anche la Bretellina che verrà realizzata nella zona dell’incrocio con la strada di Pregasina dove oggi i biker sono costretti a Pedalare sulla statale. Un altro sogno che si sta realizzando è quello del Porto di Ledro al Ponale. Un prestigioso salto nella storia e una nuova opportunità per Ledro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136