QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La storia: il viaggio del lupo Slavc fa impazzire i tedeschi

giovedì, 20 febbraio 2014

Trento - È una storia particolare quella del lupo Slavc, radiocollarato in Slovenia, dove il lupo è presente con più di 50 esemplari, e arrivato sui Monti Lessini nella zona confinante con la provincia di Verona nel 2012, dopo un formidabile spostamento di oltre 1000 km. Al punto che se ne è interessata l’emittente televisiva ‘Bayerisches Fernsehen’ con un ampio documentario mandato in onda lo scorso 16 febbraio.

Grazie al radiocollare, è stato possibile seguire gli spostamenti del giovane lupo Slavc dalla Slovenia attraverso Austria, sud Tirolo, Trentino fino ai Monti Lessini tra le province di Verona e  Trento. Qui, dove si trova dalla primavera del 2012, si è unito con una femmina, proveniente dalla popolazione italiana delle Alpi occidentali: nell’estate 2013 è stata documentata la presenza di due cuccioli e dunque di un piccolo branco composto da quattro esemplari di lupo.

Nel corso dell’estate 2013 la televisione “BayeLuporisches Fernsehen” ha contattato il Servizio Foreste e Fauna della Provincia autonoma di Trento per realizzare un servizio dedicato a Slavc. L’ampia trasmissione è stata mandata in onda il 16 febbraio: accanto alla storia del lupo sloveno, si è colta anche l’occasione per parlare diffusamente della presenza dell’orso in Trentino, illustrando tra l’altro le efficaci politiche di gestione messe in atto dall’amministrazione provinciale. Un documentario che ha interessato un vasto pubblico e che vede il  Trentino ancora una vota in prima linea.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136