QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad


Kompatscher a Bruxelles: “Più poteri a Regioni per la gestione dei lupi”

venerdì, 2 febbraio 2018

Bruxelles – L’Alto Adige sostiene la proposta del Comitato delle Regioni sulla coesistenza dei grandi predatori che prevede più margini di manovra a livello locale (foto USP/Horst Wagner).

kompatscherNel corso della 127esima sessione plenaria del Comitato delle Regioni si è espresso in maniera favorevole al parere d’iniziativa del rumeno Csaba Borbolyriguardante la coesistenza con i grandi predatori nel rispetto delle linee guida europee sulla protezione della natura. Si tratta di un passaggio, fortemente sostenuto dalla Provincia di Bolzano, che punta ad offrire maggiori margini di manovra alle istituzioni regionali e locali nella gestione di lupi e orsi. Nel corso del dibattito è intervenuto anche il presidente Arno Kompatscher, il quale ha sottolineato che “vi è l’urgente necessità di dare alle regioni europee la possibilità di reagire con un sistema di management adeguato ad una situazione oggettivamente straordinaria”.

Durante la sua presa di posizione, il presidente altoatesino ha ricordato le “particolari condizioni in cui opera l’agricoltura di montagna dell’area alpina”, aggiungendo che “in mancanza di risposte incisive si corre il rischio di compromettere non solo una tradizionale forma di crescita e sviluppo del nostro territorio, ma anche le caratteristiche del paesaggio e la biodiversità. Il sentimento di preoccupazione che emerge da una larga fetta della nostra popolazione deve essere preso molto sul serio – ha spiegato Kompatscher – e ciò comporta il fatto che sia data la possibilità agli enti locali e regionali di incidere in maniera concreta sulla situazione con misure in grado di gestire al meglio la presenza dei lupi. Solo in presenza di una reale possibilità demandata a livello locale, le necessarie attività di informazione e sensibilizzazione sul tema potranno risultare efficaci”.

Sempre i grandi predatori, infine, sono stati al centro dell’incontro con Jürgen Müller, capo di gabinetto del Commissario europeo all’ambiente, Karmenu Vella. Al termine del colloquio, il presidente Arno Kompatscher si è detto “convinto che la portata delle sfide legate alla crescente presenza di lupi e orsi nell’area alpina verrà riconosciuta dall’Unione europea. Da parte nostra – ha spiegato – continueremo ad operare con impegno affinchè venga tutelata al meglio la nostra agricoltura di montagna, un settore che poggia le sue radici nella tradizione ma che è anche fortemente orientato al futuro”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136