QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Kompatscher a Bruxelles interviene sulla questione catalana: “Avviare il dialogo”

martedì, 10 ottobre 2017

Bolzano – Kompatscher a Bruxelles interviene sulla questione catalana: “La strada da seguire è quella del dialogo e dell’autonomia”. Trasferta a Bruxelles per il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, che oggi e domani (10 e 11 ottobre) ha in programma una serie di incontri politici e istituzionali nell’ambito della Settimana europea delle città e delle Regioni. Primo appuntamento, quello con la sessione plenaria del Comitato delle Regioni: oltre ai temi annunciati e all’ordine del giorno (dalla mobilità all’energia, passando per l’ambiente), la discussione si è concentrata sulla Catalogna. Il presidente altoatesino è intervenuto sottolineando che “la strada da seguire non può essere quella del conflitto, ma deve essere quella del dialogo tra Madrid e Barcellona per riuscire a giungere ad un ampliamento dell’autonomia”. Riferendosi al recente referendum, Kompatscher ha ribadito che “si tratta di un passo fatto al di fuori della Costituzione”, ma ha anche ricordato che “se si è giunti a questo risultato lo si deve proprio alla mancanza di progressi di fronte alle richieste di maggiore autonomia”.

Arno Kompatscher, inoltre, si è detto “preoccupato per la situazione di estrema tensione venutasi a creare in Catalogna” e, augurandosi una soluzione non conflittuale della vicenda, si è detto disponibile a “mettere a disposizione l’esperienza accumulata dall’Alto Adige in materia di autonomia e di pacifica convivenza. La risposta europea a conflitti di questo tipo e alle tendenze nazionaliste – ha aggiunto il presidente altoatesino – deve puntare sulla valorizzare delle regioni e della collaborazione transfrontaliera in applicazione del principio di sussidiarietà, rafforzando al tempo stesso le istituzioni europee e diminuendo gli individualismi degli stati membri. Solo così potremo essere realmente uniti nella diversità”.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136