QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Interscambio con la Russia, un evento eccezionale per il Trentino

venerdì, 6 dicembre 2013

Trento – Un ponte tra il Trentino e Mosca in un’ottica economica e turistica. L’interscambio è valutato positivamente dagli amministratori. “Ci sono grandi opportunità per l’interscambio economico e turistico tra il Trentino e la Russia, in questo rafforzate dal fatto che la Provincia autonoma di Trento fa parte della compagine azionaria dell’Aeroporto di Verona. Siamo qui infatti in occasione dell’apertura della nuova tratta area che collegherà giornalmente l’aeroporto di Verona a quello di Mosca e viceversa. Una novità significativa, poiché siamo convinti che questa nuova tratta area potrà rappresentare un importante volano per i rapporti di cooperazione bilaterale. Un vero e proprio “acceleratore di flussi”: di turisti, di merci e di servizi”. Con queste parole Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento, ha salutato nella sala Belli del Palazzo della Provincia i partecipanti al seminario di lavoro organizzato appunto a seguito dell’apertura del nuovo collegamento aereo Mosca-Verona, con ricadute per il Trentino.Trentino Russia 1

LA NOVITA’ 

Al suo fianco Michele Dallapiccola, assessore al turismo e alla promozione e gli importanti ospiti: il console generale della Federazione russa a Milano, Alexander Nurizade; il presidente di Aeroporto Verona, Paolo Arena; il direttore comunicazione e rapporti istituzionali S7 Airlines, Anna Bazhina. A fare gli onori di casa – e ad illustrare le peculiarità turistiche ed economiche capaci di favorire e sviluppare le dinamiche di interscambio – il direttore divisione turismo di Trentino Sviluppo, Paolo Manfrini e il dirigente Promozione e internazionalizzazione della Provincia autonoma di Trento, Raffaele Farella. Nel corso del confronto, continuato su temi più squisitamente tecnici e di settore, è stato ricordato come negli ultimi anni il Trentino si è orientato in maniera sempre più decisa verso l’apertura internazionale delle propria offerta economica e turistica. In questo giocano un ruolo importante il fatto che la Provincia autonoma di Trento è socia dell’aeroporto di Verona con il 21,48% del capitale sociale e i buoni rapporti con il Consolato Russo di Milano. Ed è già intensa e in rapida espansione la collaborazione in campo turistico: il mercato russo è in aumento costante ormai da 10 anni con una forte crescita che ha portato gli arrivi da circa 4.000 (32.000 pernottamenti) nel 2003 ad oltre 32.600 (con 206.200 pernottamenti) nel 2012. Ed è appunto di questi giorni l’ospitalità dell’aeroporto di Verona di una ventina di tour operator provenienti dalla Federazione Russa, accompagnati dai rappresentanti della compagnia S7 Airlines. L’obiettivo è proporre una panoramica a 360 gradi del territorio da Verona al Lago di Garda fino al Trentino. S7 Airlines incrementerà infatti la frequenza dei voli che dal 27 dicembre 2013, tra Verona e Mosca, saranno giornalieri, con partenze da Verona alle ore 12:25 (ora locale) e da Mosca alle 11:35 (ora locale). I voli saranno operati con Boeing 737-800 e Airbus A320 Family per il trasporto di 160 passeggeri, con cabine economy e business class.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136