QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Incontro al campo dell’immigrazione di Trento, il questore D’Ambrosio: “Qui c’è una grande organizzazione”

venerdì, 3 aprile 2015

Trento – Il questore Massimo D’Ambrosio in visita al Cinformi. “L’organizzazione che ho trovato qui a Trento nel campo dell’immigrazione è davvero unica e mi ricorda quando, all’inizio della mia carriera, mi adoperavo per introdurre un nuovo approccio capace di rispondere efficacemente alle sfide poste dalla crescente presenza dei cittadini stranieri sul territorio nazionale. Desidero esprimere la mia piena disponibilità a proseguire nella positiva collaborazione fra la Questura e il Cinformi, rinnovando il proficuo dialogo attivato ormai da diversi anni”. Sono le parole del nuovo questore di Trento, Massimo D’Ambrosio, in visita al Centro informativo per l’immigrazione. A presentare la struttura e le attività del Cinformi, l’assessora provinciale alla Salute e Solidarietà sociale, Donata Borgonovo Re, e il coordinatore responsabile del Centro, Pierluigi La Spada.

Peculiarità della struttura, facente riferimento al Dipartimento Salute e Solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento, è la collaborazione fra ente pubblico e privato sociale. Accanto all’accordo amministrativo con la Questura, stipulato sin dalla nascita del Cinformi (istituito nel 2001 per contribuire ad eliminare le lunghe code dei migranti in fila per i documeQuestore Trentonti di soggiorno), il Centro informativo per l’immigrazione ha ampliato nel corso degli anni il proprio raggio di competenza.

La consolidata attività di informazione allo sportello è oggi affiancata, fra l’altro, dall’impegno nella sensibilizzazione e nell’accoglienza, con particolare riferimento alle persone vulnerabili, come richiedenti protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta a scopo di sfruttamento. Una mission rinnovata e ampliata nel tempo per rispondere efficacemente alla stabilizzazione dell’immigrazione in Trentino e per accompagnare la comunità di fronte alle sfide e ai futuri scenari che il fenomeno migratorio comporta.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136