QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

In duemila per Trentino for Nepal: vince la solidarietà

sabato, 24 ottobre 2015

Rovereto – Insieme per andare lontano, questo lo slogan, scritto sulle maglie dei rappresentanti del Soccorso Alpino, che ha accompagnato oggi a Rovereto la partita Trentino for Nepal. Circa 2000 persone hanno affollato gli spalti dello Stadio Quercia di Rovereto per assistere alla partita fra la Nazionale Italiana Cantanti ed il Soccorso Alpino Trentino, per un incasso di poco superiore ai 18.000 euro.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Soldi che aiuteranno la ricostruzione del Nepal, distrutto dal terremoto. La partita, molto entusiasmante, dopo il calcio d’inizio dato dalla tuffatrice Francesca Dallapè, è stata molto combattuta e spettacolare e si è conclusa 4 a 4. Per gli uomini del Soccorso Alpino, che si erano portati in vantaggio per 3 a 0, sono andati in rete Andrea Panelatti, Marco Lazzeri, Nicola Cont e Marco Cristoforetti. Per i cantanti tripletta del rapper Moreno, che ha avviato la rimonta e rete finale di Luca Barbarossa. Un pareggio dunque, la vittoria è andata la pubblico e alla voglia di fare una buona azione. “Il Trentino c’è quando c’è bisogno di solidarietà” hanno detto gli assessori provinciali Sara Ferrari e Tiziano Mellarini, ricordando che la raccolta fondi non si ferma qui.  squadre partita cuore solidarietà

I giocatori delle due squadre sono entrati in campo accompagnati dai bambini che indossavano una maglietta con la scritta “insieme per andare lontano”. Alla fine del primo tempo, i cantanti hanno firmato la maglia numero 3, quella che indossava sempre Oskar Piazza, l’apinista trentino scomparso in Nepal insieme a Renzo Benedetti e Marco Pojer che sono stati ricordati, insieme a tutte le vittime del terremoto, con un minuto di silenzio. Alla Musica cittadina “Riccardo Zandonai” di Rovereto è stato affidato il compito di suonare l’inno italiano e quello nepalese prima del fischio d’inizio.

Immediatamente dopo la scossa di terremoto del 25 aprile scorso, la Provincia autonoma di Trento si è mossa per organizzare gli aiuti. Forte di una presenza sul terreno di sette associazioni di cooperazione internazionale, che operano nel Paese da parecchi anni, non è stato difficile trovare partner locali affidabili e competenti e individuare i progetti da sostenere. Sulla scorta di precedenti esperienze simili (Tsunami, Haiti, Filippine, Abruzzo) in Trentino si è immediatamente costituito un coordinamento tra Enti, associazioni e parti sociali per garantire maggior massa critica e non disperdere/frammentare gli aiuti. La Provincia ha stanziato 50.000,00 euro.

E’ stata lanciata una campagna di raccolta fondi (raccolti ad oggi 128.000,00 euro) e individuati assieme 5 progetti di prima emergenza da sostenere, per un totale di 92mila  euro. Con questi fondi sono stati acquistati e distribuiti alimenti, cibo, acqua, medicine. Sono state distribuite inoltre tende e teli da riparo e realizzate piccole costruzioni provvisorie, adibite ad abitazione e a scuole. Questi progetti sono tutti ormai nella loro fase conclusiva. Con i fondi rimanenti (86mila euro) e con quelli che saranno raccolti, compresi quelli derivanti dall’incasso della partita, saranno ripristinati uno o più ponti tibetani (passerelle pedonali) che collegano la Valle del Langtang. E’ ancora possibile contribuire alle iniziative in favore del Nepal attraverso il conto corrente: IBAN: IT 12 S 02008 01820 000003774828 (causale “Fondo Nepal”, presso l’Agenzia Trento Galilei – Via Galilei 1 di UniCredit spa).

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136